2012, ANNO DI RAFFORZAMENTO PER AXA ASSICURAZIONI E AXA MPS

Raccolta premi in aumento a 5,6 miliardi di euro. Utile netto a 237 milioni di euro

AXA - Bandiere (2) ImcIl 2012 si è confermato un anno positivo per AXA Assicurazioni e AXA Mps, con una raccolta premi lorda di 5.596 milioni di euro (in crescita del 3%) e un utile netto di 237 milioni di euro (+ 46,5%). L’Italia – si legge in una nota – resta nel 2012 un mercato chiave per il Gruppo AXA, con un’incidenza sulla raccolta di Gruppo del 6,7% nel Vita e del 5,4% nel Danni ed una quota di mercato complessiva vita e danni del 4,7%.

Per quanto riguarda AXA Assicurazioni, il 2012 si è chiuso con un utile netto di 98 milioni di euro, in crescita del 78,2% rispetto al 2011, “grazie ad uno sviluppo profittevole nei rami danni ed alla focalizzazione su prodotti ad alta redditività“. La raccolta premi danni si è attestata a 1.448 milioni di euro (+2% sul 2011), e grazie a questa crescita, informa la compagnia, la quota di mercato danni del canale agenti è passata dal 4,5% del 2011 al 4,9%. A questo incremento si associa un risultato tecnico di rilievo che – prosegue la nota – “è anche il frutto di un’attenta selettività dei rischi e di una gestione efficace dei sinistri, accompagnata da un forte presidio antifrode“. Il Combined Ratio raggiunge il 90,3%, con una riduzione di oltre 4 punti rispetto all’esercizio 2011.

Possiamo considerarci molto soddisfatti di questi risultati in un contesto di mercato fortemente instabile – dichiara Andrea Rossi, Amministratore Delegato di AXA Assicurazioni –. Abbiamo realizzato performance ambiziose in termini di crescita selettiva e profittevole con un Combined Ratio tra i migliori della nostra storia, grazie ad un’attenta scelta dei rischi e all’eccellenza tecnica nella gestione dei sinistri. A ciò si è aggiunto l’aumento della preferenza da parte dei nostri distributori e dei nostri clienti a testimonianza di una continua attenzione al rafforzamento e alla specializzazione della rete agenziale, vero motore di sviluppo, nonché all’innovazione dell’offerta e alla qualità dei servizi offerti alla clientela in tutte le fasi della relazione”.

L’Assemblea dei Soci di AXA Assicurazioni ha confermato Andrea Rossi nella carica di Amministratore Delegato. Antonio Silvano Andriani è stato nominato Presidente del Consiglio d’Amministrazione, che ha confermato nella carica Denis Pierre Marie Duverne, Jean Laurent Raymond Marie Granier, Alban Christian Marie Armel De Mailly Nesle, Giovanni Pedersoli e Philippe Egger. Nuovo ingresso in consiglio, invece, per Salvatore Fernando Piazzolla, Olivier Barthelemy e Roberto Peloso.

2012 molto positivo anche per AXA MPS, che chiude l’esercizio con un utile netto consolidato di gruppo a 139 milioni di euro, in crescita del 30,1% rispetto all’esercizio precedente ed una raccolta vita pari a 3.587 milioni di euro, in aumento del 6% rispetto al 2011.

Nella raccolta vita, la compagnia di bancassicurazione in joint venture con il Gruppo MPS registra ottimi risultati dai prodotti di protezione vita “stand alone” (+64%) e dalla raccolta della previdenza, in crescita del 50% rispetto al 2011, con “un importante incremento dei giovani sotto i 35 anni tra i nuovi iscritti“. Questi traguardi – sottolinea AXA MPS – sono stati raggiunti grazie alla maggiore capacità di offrire servizi consulenziali in filiale e all’introduzione di nuovi strumenti digitali di supporto messi a disposizione della rete e dei clienti, tra cui il nuovo portale della previdenza “Previsionari”. La raccolta lorda dei rami danni, infine, pari a 127 milioni di euro, è risultata in crescita di circa l’11% rispetto al 2011.

I risultati 2012 – ha sottolineato Frédéric de Courtois, Amministratore Delegato di AXA MPS – testimoniano la buona redditività del business di AXA MPS ed un posizionamento tra i leader della protezione in banca nel mercato italiano. Tutto ciò grazie alla crescita nella previdenza, soprattutto tra i giovani, ai traguardi nella protezione, con il successo nella LTC e recentemente nella Critical Illness, fino alla sfida dell’RC Auto allo sportello. AXA MPS conferma quindi la sua capacità di innovare il mestiere della protezione delle persone e dei beni, a servizio di una strategia condivisa con il Gruppo Montepaschi per fare della banca un nuovo luogo di protezione”.

L’Assemblea dei Soci di AXA MPS Assicurazioni Vita e AXA MPS Assicurazioni Danni ha confermato Frédéric de Courtois nella carica di Amministratore Delegato delle due compagnie. Paolo Manzato è stato nominato Presidente del Consiglio d’Amministrazione, che ha confermato in carica quali consiglieri Denis Pierre Marie Duverne, Jean Laurent Raymond Marie Granier e Paolo Andrea Rossi. Nuovi ingressi in cda – per Banca Monte dei Paschi di Siena – per Fabrizio Viola, Antonio Marino e Bernardo Mingrone.

Intermedia Channel

Related posts

One Comment;

  1. Coerenza said:

    Ecco il servizio al cliente di una grande Compagnia come AXA: due mesi per un liquidazione vita e non danno risposta. Chiami in direzione e dicono che non rispondono ai clienti ma di scrivere all’ufficio reclami. Scrivi all’ufficio Reclami e non rispondono. Quando le multinazionali pensaranno più alle esigenze dei clienti rispetto a quelle dei loro azionisti, magari sarà un po’ troppo tardi.
    Più son grandi, più pensano di esser bravi e più si allontanano dalla quotidianità dei problemi dei clienti.
    Far attendere oltre 2 mesi una persona che aspetta dei soldi e che magari su quelli deve fare delle cose importanti per la propria vita è indecente.
    Se un agente o promotore si trattiene i soldi viene radiato, dovrebbero fare altrettanto con le Compagnie.
    Proibire di lavorare se non sono in grado di dare un servizio minimo

Comments are closed.

Top