A BOLOGNA VEDE LA LUCE IL NUOVO MAGAP

Francesco Saverio Bovio IMC

Francesco Saverio Bovio nominato presidente del nuovo gruppo agenti che unisce le due realtà fino ad ora separate

Gli Agenti della Milano Assicurazioni Spa, iscritti ai gruppi AMA e MAGAP, si sono dati appuntamento a Bologna nei giorni 4 e 5 ottobre con la finalità di promuovere la creazione di un nuovo soggetto di rappresentanza unitario.

Gli oltre trecento agenti intervenuti hanno dato i natali al nuovo MAGAP (nelle foto che corredano l’articolo, per gentile concessione MAGAP, un’immagine della sala durante i lavori, l’incontro con il management Milano e Franco Ellena, l’intervento del “Clown-Dottore”), nominando presidente Francesco Saverio Bovio e sostenendone all’unanimità le ragioni ispiratrici. La nuova realtà, con quasi 800 Agenti associati, si posiziona tra i più rappresentativi Gruppi Agenti del mercato italiano, mandando così un messaggio distonico rispetto alla patologica tendenza della categoria alla frammentarietà.

Nonostante il complesso momento di mercato e la vigenza dello stato di agitazione proclamato nel mese di agosto 2012, i vertici del nuovo Magap hanno invitato, per un costruttivo confronto, il management della Milano Assicurazioni SpA (rag. Rigamonti, dr. Costantini, dr. Tumidei, dott.ssa Bianchi) e Franco Ellena, Direttore generale Unipol, nuovo azionista di riferimento del gruppo FonSai. Il dibattito si è svolto all’insegna della chiarezza più assoluta, elemento indispensabile e propedeutico per svolgere le rispettive scelte prospettiche.

Alle reiterate e confermate difficoltà manifestate dalla Rete agenziale, il manager del Gruppo UGF ha ribadito la già dichiarata necessità di tempo, che consenta al nuovo azionista di realizzare un chiaro quadro clinico della situazione aziendale prima di ipotizzare interventi importanti ed immediati a sostegno della competitività della Rete sul mercato. La necessità di poter far fronte a tutte le esigenze assicurative della Clientela agenziale attraverso un canale unico pare, in questa fase, dover cedere il passo a logiche di riequilibrio di bilancio che, per ragioni tecniche pur comprensibili, promuovono solo certe aree di business, come ad esempio il Retail, considerandone altre non profittevoli e, pertanto, esercitabili solo marginalmente in questa fase.

Da questi punti certi, l’assemblea di Bologna, preso atto ed apprezzata la schiettezza del nuovo management, la trasparenza degli obiettivi e la chiara definizione dei perimetri operativi, ineludibili al momento, ha generato due riflessioni dai marcati risvolti programmatici: la prima in relazione all’utilità di continuare a sostenere lo stato di agitazione, mostrandosi possibilista nei confronti di un allentamento della tensione sindacale, convertendo lo “stato di agitazione” in “stato di attenzione“, finalizzata all’esplorazione di quei settori di business definiti profittevoli e sviluppabili dall’Azienda. Una eventuale decisione in tal senso, naturalmente, sarebbe subordinata alle logiche del coordinamento con l’altro Gruppo della Milano Assicurazioni SpA, il GAM, con il quale si condivide ormai da molto tempo, in una logica federale, ogni scelta in relazione ai rapporti con la Mandante.

La seconda ha riguardato la necessità di scandagliare, attraverso una commissione “ad hoc”, le opportunità che il mercato potrebbe offrire, coniugate oggi alle rilevanti novità normative intervenute, per coprire quelle aree di esigenza della Clientela che gli strumenti offerti dalla Mandante di riferimento e le strategie rappresentate non consentono di soddisfare.

Concludendo i lavori, l’assemblea ha deciso di orientare gli organi esecutivi allo svolgimento delle attività sopra menzionate e si è detta pronta nel cercare nuove modalità attraverso le quali svolgere l’attività di intermediario assicurativo in maniera sempre più professionale, nella piena valorizzazione ed attuazione di ogni regola che il rinnovato mercato impone ed imporrà.

Consulta e scarica l’organigramma del nuovo MAGAP

Intermedia Channel

Related posts

Top