Accordo tra SACE ed Ethiad Credit Insurance per maggiori opportunità di business tra Italia e EAU

Dubai Imc

Dubai Imc

In occasione del secondo Business Forum Italo-Arabo, SACE – l’agenzia di credito all’esportazione del Gruppo CDP – ed Ethiad Credit Insurance (ECI) hanno firmato un accordo di collaborazione finalizzato a rafforzare le opportunità di business tra i due Paesi.

La seconda edizione del Forum, che vede gli Emirati Arabi Uniti arrivare a Roma come Paese ospite, ha riunito rappresentanti del Governo e dirigenti di alto livello di entrambi i Paesi – si legge in una nota – “per trattare temi di interesse comune, incoraggiare potenziali partnership e facilitare lo scambio di informazioni e le opportunità di business tra Italia ed Emirati Arabi Uniti”.

Grazie a questo accordo, firmato dagli amministratori delegati delle due società Alessandro Decio (SACE) e Massimo Falcioni (ECI), le due agenzie di credito all’esportazione “si impegnano a rafforzare il rapporto di collaborazione tra l’Italia e gli Emirati Arabi Uniti, attraverso la condivisione reciproca di competenze e il sostegno alle opportunità di business tra i due Paesi”.

Uno degli scopi principali dell’intesa – prosegue la nota – è quello “di intensificare gli scambi commerciali tra l’Italia e gli Emirati Arabi Uniti, focalizzandosi sull’Industria Halal attraverso soluzioni assicurativo-finanziarie coerenti con i principi della finanza islamica (Shariah-compliant)”.

SACE ed ECI creeranno inoltre una Task Force dedicata, collaborando su sette diversi filoni di attività: assicurazioni, riassicurazioni e recupero crediti; condivisione di competenze; programmi di formazione tecnica; soluzioni assicurativo-finanziarie coerenti con la finanza islamica; promozione degli scambi (attraverso eventi, workshop, B2B); programmi di investimenti e di internazionalizzazione; sostegno alle PMI.

“Siamo onorati di poter collaborare con un player di primissimo piano negli Emirati come Ethiad Credit Insurance. Stringere legami commerciali più forti tra i due Paesi e aumentare gli investimenti negli Emirati rappresenta infatti una chiave di volta importante per le nostre rispettive economie – ha dichiarato Decio –. Il nostro ufficio di Dubai, che ha in pipeline progetti per un valore di 5 miliardi di Euro, ricoprirà un ruolo importante nella Task Force, a conferma della sua funzione di ‘ponte’ tra l’Italia e gli Emirati Arabi Uniti”.

“La nostra collaborazione con SACE rappresenta una parte importante del ruolo di ECI a supporto di export, scambi commerciali, investimenti e sviluppo di settori strategici non legati all’Oil&Gas, in linea con ‘Vision 2021’, il Programma nazionale degli Emirati Arabi Uniti – ha affermato Falcioni –. L’Italia è uno dei principali partner commerciali degli Emirati Arabi Uniti tra i Paesi UE, così come gli EAU lo sono per l’Italia. Attraverso una mutua collaborazione in differenti aree, questo accordo è finalizzato a consolidare ulteriormente la relazione commerciale tra i due Paesi”.

Il volume degli scambi tra i due Paesi – conclude la nota – ha superato i sei miliardi di Euro nel 2017. È cresciuto l’import di prodotti dall’EAU verso l’Italia e gli Emirati sono stati i primi nell’area MENA (Middle East and North Africa, Medio Oriente e Nord Africa) per l’export italiano dei settori agricolo e alimentari e bevande. Altri settori ad alto potenziale per attività di business includono alluminio e acciaio, ceramica, energie rinnovabili, meccanica, trattamento dei rifiuti, tecnologie industriali, infrastrutture e costruzioni, industria alberghiera, moda e gioielli, agroalimentare e bevande.

Intermedia Channel

Related posts

*

Top