AEC: COMPLETATO IL BUY BACK, RAGGIUNTO IL 49% DEL CAPITALE

Fabrizio Callarà IMC

Fabrizio Callarà IMCCon un comunicato ufficiale diffuso questo pomeriggio, AEC annuncia di aver completato il riacquisto di azioni dei soci di minoranza, che ha raggiunto il 49% del capitale sociale. Dopo il 5% del 2010, nella giornata di oggi sono infatti state acquistate azioni ordinarie di proprietà della Uniconsult equivalenti al 44% del capitale sociale.

Il buy back – si legge ancora nel comunicato -, approvato dall’assemblea dell’aprile 2013, è stato realizzato per permettere ad AEC Wholesale Group, quale gruppo di intermediazione grossista – collocatore – e gestione sinistri operante con il mercato dei Lloyd’s e con il London Company Market, di “rafforzare la propria indipendenza creando nel contempo una riserva di titoli che potrà essere utilizzata sia per acquisizioni e/o scambi azionari con altri operatori del mercato assicurativo sia per programmi di stock option rivolti ai manager del gruppo in funzione del raggiungimento di target economico-finanziari“. Il CDA ha incaricato Michele Longo, consigliere di amministrazione indipendente, di valutare tutte le proposte pervenute in questi mesi alla società.

Fabrizio Callarà (nella foto), Presidente ed Amministratore Delegato di AEC Wholesale Group ha così commentato l’esito del buy back: «Dopo aver rinnovato, l’estate scorsa, tutti i nostri Binder sul mercato dei Lloyd’s, questo importante risultato pone il Gruppo AEC in una posizione privilegiata per cogliere le enormi opportunità per gli intermediari grossisti derivanti dall’impoverimento dell’offerta Property & Casualty nei rischi commerciali conseguenti alla sempre maggiore concentrazione del mercato assicurativo in Italia».

«Al contrario – continua Callarà – le compagnie specialistiche del mercato assicurativo e riassicurativo internazionale guardano l’Italia come un Paese con forti potenzialità di sviluppo per i rischi di nicchia e per la Responsabilità Civile Generale, Amministrativa e Professionale cercando agenzie di sottoscrizione e gestione dei sinistri già strutturate per distribuire le loro soluzioni».

Intermedia Channel

Related posts

Top