AEC ENTRA NEI “RISCHI PROFESSIONALI” DEGLI INTERMEDIARI GRAZIE ALL’ACCORDO CON CGPA EUROPE

AEC Generico HiRes HPCon un circolare diffusa nella giornata di ieri, AEC Wholesale Group ha annunciato l’ingresso nel segmento dei rischi professionali degli intermediari di assicurazione “ed in particolare della RC Professionale Obbligatoria, Responsabilità Civile verso Terzi e verso i Dipendenti, nonché le garanzie complementari relative alle Perdite patrimoniali conseguenti ad un sinistro di RC Professionale, RC degli Amministratori di società di intermediazione, infedeltà dei dipendenti e dei collaboratori, e l’RC dell’intermediario che svolge anche l’attività di promotore finanziario“.

AEC entra in questo business grazie ad un accordo di MGA (Managing General Agent) siglato con CGPA Europe, società assicurativa appartenente al Gruppo CGPA specializzata nelle coperture di responsabilità civile per i professionisti delle assicurazioni. Il gruppo guidato da Fabrizio Callarà segnala, tuttavia, che per il 2013 CGPA ha aperto questa linea di business soltanto per gli agenti. “Prossimamente, la Compagnia valuterà anche l’apertura di un canale dedicato ai broker, e sarà nostra premura darne comunicazione a tutti i nostri Corrispondenti“.

L’accordo, si legge ancora nella circolare AEC, “è la conseguenza di una costante ricerca del nostro Gruppo verso nuove linee di business atte ad implementare la nostra offerta per tutte le categorie professionali cui non poteva mancare proprio la nostra, l’intermediazione assicurativa e riassicurativa“.

A questo proposito, “visto l’approssimarsi della chiusura dell’anno in corso, e vista l’obbligatorietà stabilita da legge della polizza Rc professionale, già stabilita dal codice delle Assicurazioni del 2006 (art. 110 comma 3), attuato dal regolamento IVASS n. 5 del 2006 con gli artt. 11, 15 e 23 (sez. A, B ed E)“, AEC ritiene utile ricordare a tutti gli Intermediari “che ancora non si fossero attivati o che non avessero proceduto al relativo rinnovo, vista l’imminente scadenza dell’anno in corso, l’urgenza di procedere alla sottoscrizione di una copertura RC professionale“.

Sono numerosi i segnali, infatti, che inducono a ritenere che anche in Italia il contenzioso che coinvolge gli intermediari nell’attività di consulenza prestata ai clienti assicurativi esploderà nei prossimi anni. E’ perciò prioritario non farsi cogliere impreparati. Tale situazione, infatti, è anzitutto un’opportunità: quella cioè di intercettare i benefici – prosegue la circolare – che un’efficace azione di prevenzione può portare nei confronti dell’Intermediario assicurativo che decide di tutelarsi“.

Intermedia Channel

Related posts

Top