AIBA: FAVORIRE L’ACCESSO AL CREDITO PER LE IMPRESE CHE PROTEGGONO IL BUSINESS

Dal convegno nazionale di Milano la proposta dei broker di assicurazione. Auspicato l’avvio di un confronto con il sistema bancario: le aziende maggiormente assicurate sono più affidabili rispetto agli impegni nei confronti degli istituti di credito. Credit crunch: negli ultimi tre mesi il 17,2% delle piccole imprese e il 12,3% delle medie non hanno ottenuto i finanziamenti richiesti. Sotto-assicurazione delle PMI: solo il 28% copre i rischi tecnologici, il 23% la responsabilità civile prodotti, il 15% credito e cauzioni, il 12% l’inquinamento. Soltanto il 3% si assicura contro le interruzioni di attività. Il 14% non ha una polizza incendio e il 31% una polizza furto

La protezione assicurativa come investimento in grado di favorire l’accesso al finanziamento della crescita da parte delle imprese minacciate dalla stretta creditizia: sul credit crunch l’AIBA, l’Associazione Italiana dei Broker di Assicurazioni, è pronta ad avviare il dialogo con il sistema bancario: “Il credit crunch è la principale minaccia alla sostenibilità delle piccole e medie imprese. E’ urgente – ha affermato oggi a Milano il presidente dell’AIBA, Carlo Marietti Andreani, nel suo intervento all’odierno convegno nazionale su Brokers e piccole e medie imprese –. La protezione assicurativa come fattore di sviluppo – avviare una riflessione per individuare strumenti di attenuazione delle politiche di riduzione dell’offerta di credito. Sarebbe auspicabile un confronto con il sistema bancario per identificare un modello in grado di valorizzare l’investimento in tutela assicurativa delle imprese, garantendo loro condizioni di accesso al credito più favorevoli”.

LA RICERCA AIBA SULLE PMI: DIFFICOLTA’ DI ACCESSO AL CREDITO E PESANTE SOTTO-ASSICURAZIONE

Negli ultimi tre mesi, secondo uno studio realizzato da AIBA in collaborazione con Innovation Team e presentato oggi nel corso del convegno, il 17,2% delle piccole imprese e il 12,3% delle medie non hanno ottenuto il finanziamento richiesto a banche o società finanziarie (la percentuale si riduce al 7,6% per le grandi imprese). Le imprese italiane presentano una eccessiva dipendenza dal finanziamento bancario, che incide per il 70%, una percentuale molto più elevata rispetto agli altri Paesi industrializzati. In Italia è molto più alta anche la leva finanziaria, cioè il rapporto tra l’ammontare dell’indebitamento e il valore del patrimonio netto delle imprese.

AIBA - Convegno Annuale 2014La ricerca AIBA evidenzia anche la pesante sotto-assicurazione delle PMI italiane: il 14% non sono assicurate contro gli incendi e quasi un terzo (il 31%) non si proteggono dai furti. Non più del 28% si tutelano dai rischi tecnologici, il 23% non hanno coperture di responsabilità civile prodotti, ancora meno hanno sottoscritto polizze credito e cauzioni (il 15%) e coperture inquinamento (12%); soltanto il 3% si assicura contro le interruzioni di attività.

Lo scarso utilizzo dello strumento assicurativo, “erroneamente considerato come un semplice costo”, conferma il quadro complessivo di estrema fragilità del sistema produttivo italiano che emerge dallo studio. Secondo AIBA è necessario trasformare in positivo la percezione che le imprese hanno delle protezioni assicurative: da semplice costo a investimento che diventa concretamente proficuo quando i rating bancari premiano le aziende maggiormente tutelate. Proprio grazie alle coperture assicurative, infatti, le imprese risultano più affidabili rispetto agli impegni che assumono con gli istituti di credito.

BROKER E PMI

La scarsa propensione alla protezione delle aziende da una parte, e la rigidità dell’offerta delle compagnie dall’altra – ha sottolineato Marietti Andreani – possono trovare un contemperamento nel broker assicurativo: il quale, grazie alla sua posizione di indipendenza e ‘terzietà’, è in grado di individuare il punto di corretto equilibrio tra esigenze di garanzia e sostenibilità finanziaria”.

Alle piccole e medie imprese il broker fornisce una consulenza sostanziale – evidenzia l’associazione –, colmando la carenza di know-how assicurativo dovuta alle dimensioni aziendali che non consentono la presenza in organico di figure specializzate. Negli ultimi anni la consapevolezza dei piccoli imprenditori italiani è notevolmente cresciuta, tanto che i broker sono progressivamente entrati in questo settore di business”, dove oggi detengono una quota di mercato superiore al 41%. Secondo l’indagine AIBA, il 93% dei broker lavora attualmente con almeno 4 PMI e il 47,6% con almeno 6. L’assunzione diretta del rischio con le Compagnie (49,4%) riguarda soprattutto le realtà più grandi e del Nord Italia, mentre la maggioranza degli affari (50,6%) vengono appoggiati dai broker sugli agenti.

In un orizzonte temporale di tre anni, sono le medie imprese ad avere le prospettive di crescita migliori per il mercato assicurativo, grazie alla loro maggiore capacità competitiva internazionale e a una discreta propensione all’innovazione. I settori con le maggiori opportunità di sviluppo sono: agricoltura; chimica e farmaceutica; elettronica; attività professionali e servizi.

Dai risultati della ricerca si nota anche come le collaborazioni fra intermediari aprano a nuove possibilità di business. Nell’ultimo anno il 69,6% dei broker ha avviato forme di cooperazione con altri intermediari: il 72% con agenti; il 52,6% con broker tradizionali; il 38,8% con broker grossisti; il 2,5% con intermediari in regime di libera prestazione di servizi.

LE PMI ITALIANE

Le imprese italiane sono sempre più aperte ai mercati internazionali. Le piccole e medie imprese registrano nel 2013 un saldo commerciale positivo di export- import soprattutto grazie all’aumento della quota di esportazioni verso i paesi extra unione europea. Nell’attuale contesto, segnala AIBA, per le imprese micro e piccole è importante consolidare la propria forza attraverso alleanze e forme di partnership. Nel 2013 si registrano 1.300 contratti di rete che coinvolgono oltre 6.000 imprese, caratterizzati da alta differenziazione produttiva all’interno delle reti. Più del 50% delle imprese italiane in rete si trovano in: Lombardia, Emilia Romagna e Toscana. Tuttavia, la presenza di imprese “stabilmente” esportatrici in Italia è ancora ridotta.

Sono i settori ad alta specializzazione a mostrare una crescente propensione all’export: fabbricazione di macchinari e attrezzature; produzione di articoli in pelle; industria alimentare e delle bevande. Tra i comparti maggiormente in crisi: fabbricazione di mobili; industrie del legno; abbigliamento. In prospettiva, le micro e piccole imprese in difficoltà possono trovare nell’e-commerce un canale utile ad aumentare l’attività internazionale.

Intermedia Channel

Related posts

Top