Allianz Italia, premi e utile operativo in crescita nel 2017

Giacomo Campora HP Imc

Giacomo Campora HP Imc

La compagnia chiude il 2017 con 15,7 miliardi di Euro di premi (+11,1%, grazie al traino del Vita) e 1,4 miliardi di utile operativo (+13%). Combined ratio a livelli di eccellenza, in miglioramento di quattro punti percentuali a 80,8%

Nel 2017 Allianz Italia ha registrato una crescita dei premi totali dell’11,1% rispetto al 2016, chiudendo l’esercizio a quota 15,7 miliardi di Euro. La crescita, scrive la compagnia nella nota di presentazione dei risultati, è “in linea con la Renewal Agenda di Gruppo” ed è stata principalmente trainata da uno sviluppo positivo del comparto Vita, cresciuto del 17,1% a 11,2 miliardi di Euro. I rami Danni hanno invece chiuso con una moderata flessione: -1,3% a 4,51 miliardi. La profittabilità si è confermata solida, con l’utile operativo che ha raggiunto quota 1,4 miliardi, in crescita del +13% rispetto all’anno precedente.

Nel corso del 2017 la compagnia “ha continuato ad investire per supportare al meglio la trasformazione della rete degli Agenti Allianz, al fine di consentire loro di coniugare con sempre maggior efficacia la già forte competenza consulenziale con i benefici derivanti dalla digitalizzazione”. E proprio dal canale Agenti “è giunto un rilevante contributo” ai risultati d’esercizio.

“Allianz Italia, sotto la guida di Klaus-Peter Roehler, ha ottenuto nel 2017 risultati positivi, con premi totali in crescita, nonostante le sfidanti condizioni del mercato, ed una solida profittabilità, che ci ha consentito di contribuire ancora una volta ai risultati del nostro Gruppo e, per la nostra parte, alla ripresa del Paese – ha commentato Giacomo Campora (nella foto), dallo scorso 1° gennaio nuovo amministratore delegato di Allianz Italia –. Questa strategia di crescita profittevole, che vede gli Agenti Allianz centrali nel nostro disegno strategico impostato negli anni di lavoro insieme a Klaus-Peter Roehler e al Management Team di Allianz Italia, si sta dimostrando non solo sostenibile, ma efficace. La trasformazione del modello agenziale grazie alla digitalizzazione, sui cui abbiamo fortemente investito negli ultimi anni, è una delle pietre angolari della nostra crescita, unitamente alle capacità consulenziali dei nostri Agenti, ad un portfolio di soluzioni assicurative sempre più nativamente digitali e ad una assoluta centralità del cliente. Eccellenza tecnica, reputation aziendale, forza del brand e della rete agenziale sono gli asset imprescindibili per proseguire a migliorare anno dopo anno il nostro lavoro al servizio delle famiglie e delle imprese italiane”.

Per quanto riguarda l’andamento dei comparti operativi, come anticipato i premi Danni sono ammontati a 4,51 miliardi di Euro, con un calo dell’1,3% rispetto al 2016. L’utile operativo si è attestato a 1,1 miliardi mentre il combined ratio aggiorna ulteriormente il proprio livello di eccellenza, scendendo di quattro punti percentuali a 80,8%. La suddivisione della raccolta ha visto i rami non-Auto in crescita del 3,4% ed il segmento Auto in flessione del 4,3%. Con riferimento ai canali distributivi, la Compagnia diretta Genialloyd ha messo a segno un rialzo dei volumi del 5,4% rispetto al 2016 e la Bancassurance, con il partner Unicredit, è salita del 21,6%.

I premi Vita sono ammontati a 11,2 miliardi di Euro (+17,1% rispetto al 2016) e le riserve totali a 69,9 miliardi, in aumento del 7,8% dal 2016. Il valore della nuova produzione è aumentato del 38% rispetto al 2016, con un margine della nuova produzione in miglioramento di 0,4 punti percentuali al 2,6%. L’utile operativo si è attestato a 243 milioni, in calo del 4,1% rispetto al 2016, a causa di alcuni effetti straordinari positivi registrati l’anno precedente. Il focus sull’innovazione di prodotto e sulle soluzioni di puro rischio e a basso consumo di capitale ha migliorato il business mix, con un’incidenza dei prodotti unit-linked attestatasi al 90% della nuova produzione (dal 78% del 2016).

Il comparto ha inoltre registrato il significativo contributo del canale Agenti, sia nel settore delle polizze temporanee caso morte – con premi contabilizzati in aumento del 13,3% – che nei volumi in soluzioni unit-linked (+41,3%). Molto positiva, infine, anche la raccolta Vita del canale Financial Advisors, che ha registrato una crescita dei premi del 27,2%, con un’incidenza delle unit-linked che si è attestata al 99% della nuova produzione.

Intermedia Channel

Related posts

Top