ANGELILLI (PDL): «L’OBBLIGO AL PLURIMANDATO PREOCCUPA»

La vice presidente del Parlamento Europeo teme che l’addio al monomandato possa aumentare i costi per i consumatori. E sugli altri punti del decreto legge dice che…  

«L’obbligatorietà del passaggio da monomandatari a plurimandatari, come previsto dall’art. 34 del decreto legge n.1/2012, mi preoccupa non poco». È l’opinione di Roberta Angelilli (Pdl), vice presidente del Parlamento Europeo.

«Oggi, l’85% degli agenti di assicurazione sono monomandatari e la loro trasformazione a plurimandatari potrebbe portare solo a un aumento dei costi per i consumatori. Bisognerà, invece, approfondire le misure che tendono ad avere un reale confronto fra le offerte sul mercato oltre che concentrarsi sulla riforma del sistema bonus-malus, prevedendo a chi è già nelle prime tre classi di merito di poter ottenere sconti in assenza di incidenti. A preoccupare sono anche», prosegue Angelilli, «le assicurazioni connesse all’erogazione di mutui immobiliari, come prevede l’art. 28 dello stesso decreto legge. In questo caso, le banche che condizionano l’erogazione del mutuo alla stipula di un contratto di assicurazione sulla vita continuano a essere contemporaneamente venditori e beneficiari della polizza, vanificando così il regolamento Isvap, emanato lo scorso dicembre, che impedisce, a partire dal prossimo 2 aprile, agli istituti di credito che collocano polizze di essere anche beneficiare delle stesse. E’ necessario, invece, prevedere che il mutuatario possa essere libero di contrarre la polizza al miglior prezzo presente sul mercato».

Angelilli si è impegnata a monitorare la situazione in Italia durante il suo iter parlamentare, anche al «fine di verificare la compatibilità delle norme inserite nel decreto liberalizzazioni con la legislazione comunitaria in materia di libera concorrenza e tutela dei consumatori».

Redazione Intermedia Channel

 

Authors

Related posts

2 Comments

  1. Me deluso! said:

    Mi spiace, Mi spiace tanto e chiedo scusa alla Democrazia, perchè il mio voto è andato anche a lei.
    Sono demoralizzato e affranto.

  2. plurimandato said:

    Ma come è possibile sostenere che la liberalizzazione dei mandati porterà maggiori costi per il consumatore? Sarebbe una scoperta in campo economico davvero sensazionale, una teoria che rivoluziona 100 anni di studi economici perché ne stravolge le basi stesse. Ma cosa voleva dire l’onorevole Angelilli?

Comments are closed.

Top