ANIA: Nessuna concertazione anticoncorrenziale sui servizi assicurativi del trasporto pubblico locale

ANIA - Sede di Roma (2) Imc

ANIA - Sede di Roma (2) Imc

Con una nota diffusa attraverso il proprio sito isituzionale, l’ANIA (nella foto, la sede di Roma) ha respinto le accuse provenienti dall’Autorità Antitrust – che nella giornata di ieri ha sanzionato UnipolSai e Generali (con due multe per complessivi 29 milioni di Euro) per un’intesa restrittiva della concorrenza sulla partecipazione alle gare per la copertura assicurativa RCA dei mezzi di 15 aziende di Trasporto pubblico locale in altrettante città italiane – riguardanti la possibile concertazione anti-concorrenziale sui servizi assicurativi TPL avvenuta attraverso i contratti intercorsi tra le compagnie nel gruppo di lavoro dedicato istituito presso l’Associazione delle imprese assicurative.

“Con riferimento alle sanzioni comminate dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato a due imprese di assicurazione per presunta intesa anticoncorrenziale sui servizi assicurativi del trasporto pubblico locale – si legge nella nota −, ANIA nega con vigore che il tavolo tecnico e gli incontri associativi più volte citati nel provvedimento fossero diretti a concertare asserite condotte anticoncorrenziali.

“Ferme le iniziative che assumeranno le imprese coinvolte per difendere i propri diritti – prosegue la nota −, ANIA precisa che l’attività associativa in questo campo si è svolta nel pieno rispetto della normativa e su esplicita sollecitazione di altre Authority (Ivass e Autorità nazionale anticorruzione ex Autorità di vigilanza sui contratti pubblici) che hanno partecipato al tavolo tecnico con propri rappresentanti proprio per discutere sulle criticità che caratterizzano il costo dei servizi assicurativi delle aziende di trasporto pubblico e favorire l’espletamento delle gare”.

Intermedia Channel

Related posts

Top