ANIA TRENDS FEBBRAIO: NUOVA PRODUZIONE VITA (DICEMBRE 2013)

Secondo la prima stima del servizio statistico ANIA, nell’intero 2013 sono stati raccolti oltre 74 miliardi di Euro di nuova produzione, con un aumento del 31,3% sul dato 2012

Statistiche - Raccolta premi (3) ImcNel mese di dicembre la nuova produzione vita – polizze individuali – raccolta in Italia dalle imprese italiane e dalle rappresentanze di imprese extra-U.E., comprensiva dei premi unici aggiuntivi, è stata pari a 4,9 miliardi di Euro, il 34,4% in più rispetto allo stesso mese del 2012; in tutto il 2013 i nuovi premi emessi hanno raggiunto quota 62 miliardi, in aumento del 30,1% rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente. Si tratta di una prima stima effettuata dall’ANIA, riportata da ANIA Trends di febbraio, per l’intero settore vita che si basa su un campione di imprese rappresentativo di oltre l’85% del totale premi. Considerando anche i nuovi premi vita del campione delle imprese U.E., pari a 991 milioni di Euro, in aumento del 30,4% rispetto a quelli raccolti nel mese di dicembre 2012, i nuovi affari vita complessivi sono stati pari a 5,9 miliardi (+33,7% rispetto allo stesso mese del 2012), mentre da gennaio hanno raggiunto quota 74,1 miliardi di Euro, in aumento del 31,3%.

Relativamente alle imprese italiane ed extra U.E., nel mese di dicembre i premi relative a nuove polizze di ramo I hanno registrato una crescita del 61,6% rispetto allo stesso mese del 2012, variazione di gran lunga superiore a quella registrata nei due mesi precedenti, a fronte di un ammontare premi pari a 4 miliardi di Euro, l’82% dell’intera nuova produzione emessa. Positiva è risultata anche la raccolta premi di polizze di ramo V, con un volume di nuovi affari pari a € 209 milioni (il 4% dell’intera nuova raccolta), in aumento del 71,6% rispetto a dicembre 2012. La restante quota (14%) della nuova produzione vita è rappresentata dalle polizze “linked” (ramo III) che nel mese di dicembre hanno continuato a registrare un andamento negativo (-35,4%) rispetto allo stesso mese del 2012, a fronte di un ammontare premi pari a 665 milioni di Euro; le cause, secondo Ania Trends, sono riconducibili alla scarsa emissione di nuove polizze index, che ha gravato sulla raccolta già in calo di nuovi premi relativi a polizze unit. I contributi relativi a nuove adesioni individuali a forme previdenziali, pari a 245 milioni, sono risultati in aumento del 17,2% rispetto a dicembre 2012.

Il servizio statistico ANIA evidenzia inoltre che l’84% delle imprese del campione (pari all’81% del mercato in termini di premi) ha registrato nel 2013 una raccolta superiore all’analogo periodo del 2012 e che il 54% delle imprese (per una quota premi pari al 39%) ha ottenuto un risultato migliore rispetto alla variazione media registrata da tutte le imprese italiane ed extra-U.E. (+30,1%). Da gennaio la modalità di versamento a premio unico costituisce la scelta maggiormente utilizzata dai contraenti, per una quota pari al 94% del totale in termini di premi; infine, calcolando i premi mediante una misura che consente di standardizzare l’ammontare di premi unici e periodici, come l’Annual Premium Equivalent (APE) – pari alla somma tra premi annui, considerati per il 100% del loro importo, e premi unici divisi per la durata dei relativi contratti posta convenzionalmente pari a 10 anni – l’incremento del volume premi da inizio anno diminuirebbe dal 30,1% al 24%.

Intermedia Channel

Related posts

Top