ANIA TRENDS: IN CALO LA PRODUZIONE VITA DEL MESE DI SETTEMBRE

Ramo Vita

In base a quanto riportato dal consueto rapporto mensile “ANIA Trends” sulla nuova produzione vita, la raccolta in Italia di imprese italiane e rappresentanze di imprese extra-U.E. nel mese di settembre, comprensiva dei premi unici aggiuntivi, è stata pari a € 3,2 mld, in calo (-14,7%) rispetto allo stesso mese del 2011; al terzo trimestre i nuovi premi emessi hanno raggiunto € 35,5 mld, in calo del 14,9% rispetto ai volumi raggiunti nello stesso periodo dell’anno precedente.

Relativamente alle imprese italiane ed extra U.E., nel mese di settembre i premi afferenti a nuove polizze di ramo I continuano a registrare un calo rispetto all’analogo mese del 2011, con una percentuale tuttavia inferiore a quella registrata nei tre mesi precedenti; analogo andamento per le polizze di ramo V che dimezzano il loro volume di nuovi affari rispetto all’anno precedente, registrando la maggiore contrazione mensile da inizio anno; le polizze tradizionali (ramo I e V) si confermano comunque la scelta prevalente degli assicurati, con un’incidenza pari a oltre i tre quarti della raccolta totale nei primi nove mesi dell’anno.

La restante quota della nuova produzione è rappresentata dai prodotti “linked” (ramo III) che registrano, per il secondo mese consecutivo, una raccolta di nuovi premi in diminuzione rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, dovuta alla mancata commercializzazione di polizze index, solo in parte controbilanciata dalla crescita di nuovi premi di polizze unit. Andamento opposto riportano invece i contributi relativi a nuove adesioni individuali a forme previdenziali, in aumento rispetto allo stesso mese del 2011, con un incremento da inizio anno pari al 27,4%. Da gennaio, il numero delle nuove polizze/adesioni per il totale vita è stato pari a 2,2 milioni, in diminuzione del 14,9% rispetto allo stesso periodo del 2011.

La maggior parte della nuova produzione deriva dalla raccolta effettuata mediante reti finanziarie (sportelli bancari e postali e promotori finanziari), alle quali afferisce l’85% dei premi emessi da inizio anno. Nel dettaglio, gli sportelli bancari e postali mantengono anche nel mese di settembre la quota prevalente di raccolta (72%), registrando ancora un decremento rispetto allo stesso mese del 2011 (-16,4%); i volumi di nuovi affari intermediati dai promotori finanziari continuano a risultare invece in ulteriore aumento rispetto allo stesso mese dell’anno precedente (+21,7%), sebbene l’incremento sia concentrato solo su alcuni operatori. Nel mese di settembre sia il canale agenti sia il canale agenzie in economia registrano una raccolta di nuovi premi in diminuzione rispetto all’analogo mese del 2011: nel dettaglio, il primo risulta in calo del 34,6% (il peggior risultato da inizio anno) mentre il secondo osserva
una contrazione del 7,6% (+39,1% era stata la variazione positiva del mese precedente).

Intermedia Channel

Related posts

Top