ANIA TRENDS MARZO: STATISTICA TRIMESTRALE RC AUTO

Rc Auto - Incidente (4) Imc

Sulla base dei dati della statistica trimestrale aggiornati al 31 dicembre 2013, ANIA Trends di marzo ha effettuato un’analisi degli andamenti degli indicatori tecnici (frequenza sinistri e importo liquidato medio dei pagamenti) per il ramo Rc auto, comparando questi indicatori con quelli analoghi registrati negli anni precedenti.

In base ai dati raccolti, la frequenza dei sinistri accaduti (escludendo i sinistri denunciati tardivamente) per il totale dei veicoli mostra nel 2013 – per il quarto anno consecutivo – una contrazione (-4,1%), arrivando a un valore pari al 5,61% (5,85% nel 2012). Tuttavia, segnala ANIA Trends, la riduzione è stata di molto inferiore a quella registrata nei due anni precedenti (-12,4% nel 2012 e -11,7% nel 2011). Il rallentamento del tasso di riduzione della frequenza sinistri potrebbe essere dipeso dalla lieve diminuzione registrata dal prezzo del carburante nel corso 2013 (-1,8%) che potrebbe aver incentivato un maggior utilizzo dei veicoli. Questo dato è riscontrabile anche nel consumo del carburante che, sempre nel 2013, ha contenuto la flessione al -2,6% (dopo il calo di circa il 10% nel 2012). In lieve diminuzione nel 2013 sarebbe stato anche il ricorso da parte degli assicurati all’autoliquidazione dei sinistri di importo contenuto.

Frequenza e Importo Medio Sin. Gestiti Liquidati – Totale Settori
Anno Frequenza Sinistri Gestiti Variazione % Costo Medio dei Sinistri Gestiti (Euro) Variazione % Incidenza dei Sinistri CARD
2009 7,94% +0,2 1.737 -1,6 80,9%
2010 7,57% -4,7 1.789 +3 81,6%
2011 6,68% -11,7 1.823 +1,9 81,1%
2012 5,85% -12,4 1.725 -5,4 80,8%
2013 5,61% -4,1 1.728 +0,2 80,6%

Fonte: ANIA

Il costo medio dei sinistri accaduti e liquidati nel 2013 (cosiddetti “sinistri gestiti di generazione corrente”) è stato pari a 1.728 euro, sostanzialmente stabile rispetto al 2012 (era 1.823 nel 2011 e 1.789 nel 2010). Vi ha contribuito la diminuzione – pur se fortemente ridotta rispetto alla dinamica dell’anno precedente – degli importi pagati a favore dei terzi trasportati, i cui effetti positivi sono stati però controbilanciati dal lieve aumento registrato dall’importo liquidato dei sinistri che non sono rientrati nel sistema di indennizzo diretto (sinistri NO CARD).

Nel 2013 l’incidenza dei sinistri rientrati in CARD è stata pari all’80,6% del totale dei sinistri gestiti dalle imprese (che includono quindi anche quelli trattati fuori convenzione), percentuale che risulta sostanzialmente in linea con quella del 2012 (80,8%), mentre era pari all’81,1% nel 2011 e all’81,6% nel 2010; ANIA Trends ricorda inoltre come nei primi anni di avvio della procedura (2007 e 2008) circa il 75% dei sinistri veniva gestito in convenzione. Nel 2013 la percentuale dei sinistri che non rientrano nella procedura di risarcimento diretto è stata pari al 20,6% (era 20,5% nel 2012).

Intermedia Channel

Related posts

Top