ANIA TRENDS: STATISTICHE 2013 RAMO CREDITO

Assicurazione prestiti ImcIl Servizio Attuariato, Statistiche e Analisi Banche Dati Ania ha pubblicato le statistiche 2013 relative al Ramo Credito. Nel corso dell’anno appena trascorso i premi contabilizzati del ramo sono stati pari a 464,2 milioni di Euro, in aumento del 3% rispetto al 2012. Come sottolineano però i curatori del rapporto, depurando l’ammontare dei premi dal saldo per movimenti di portafoglio degli anni precedenti, la crescita osservata si riduce all’1,7%, dal momento che i premi contabilizzati nel 2013 sono stati aumentati dal saldo positivo registrato (pari a circa 2,4 milioni di euro).

I premi di nuova produzione sottoscritti nel 2013 hanno rappresentato il 25,1% del totale (erano sempre 25,1% nel 2012, 22,1% nel 2011 e 25,3% nel 2010) per un controvalore di 115,8 milioni di Euro, in lieve aumento rispetto all’anno precedente (+1,7%). I rischi inerenti ai “crediti commerciali all’interno” – ossia i crediti derivanti da rapporti di compravendita nel mercato interno tra imprese – costituiscono l’80% del ramo e nel 2013 hanno mostrato una lieve crescita dei premi contabilizzati (+2,2%), anche se quelli dovuti a nuovi affari sono risultati in diminuzione (-4,6%).

Si è invece verificato un incremento per i premi delle altre categorie di rischio inerenti l’assicurazione del credito (+1,7%), accompagnate in questo caso anche da un aumento della nuova produzione (+7,7% rispetto al 2012). Anche nel 2013 le famiglie italiane hanno risentito dei disagi provocati dalla persistente crisi economica, segnala Ania Trends; in questo momento di difficoltà le fasce più deboli della popolazione, per ripagare i debiti, rinunciano a parte dello stipendio o della pensione, per ottenere liquidità. Il contesto è stato confermato dall’incremento rilevato dai premi legati alla cessione del quinto dello stipendio (oltre il 10% in più rispetto al 2012, sia in termini di contabilizzato che di nuova produzione, dal momento che si tratta di forme assicurative prevalentemente a premio unico).

Le garanzie assicurate

L’80,2% dei premi contabilizzati nel 2013 del ramo credito è concentrato nelle coperture di rischi legati ai cosiddetti “crediti commerciali all’interno” derivanti da rapporti di compravendita sul mercato interno fra imprese (erano l’81% nel 2012 e oltre l’83% nel 2011). Per questa categoria sono stati contabilizzati 372,5 milioni di Euro, in crescita del 2,2% rispetto a quanto registrato nel 2012 (364,5 milioni). Se si tiene conto anche del saldo dei movimenti di portafoglio – che nel 2013 ha aumentato l’ammontare dei premi di circa 2,1 milioni (nel 2012 c’è stato invece un saldo negativo pari a -3,6 milioni) – la crescita reale si attesta allo 0,6%. Diminuiscono invece i premi della nuova produzione, che con 60,2 milioni segnano un decremento del 4,6% rispetto al 2012. Di conseguenza diminuisce anche l’incidenza che questi premi hanno sull’ammontare complessivo al netto del saldo: si è passati dal 17,2% del 2012 al 16,3% del 2013.

I premi raccolti per le “altre garanzie” (crediti commerciali all’esportazione, vendite rateali, crediti ipotecari e crediti agevolati assistiti da garanzia reale, crediti derivanti da contratti di leasing, ecc.) sono stati nel 2013 pari a 39,3 milioni di Euro (erano 38,7 nel 2012), in aumento dell’1,7% e rappresentano l’8,5% del totale del ramo. La nuova produzione, che equivale nel 2013 all’8,5% dei premi contabilizzati, ha raggiunto i 3,4 milioni, anch’essa in aumento (+7,7%) rispetto all’anno precedente.

Nel 2013 i premi delle polizze assicurative collegate a finanziamenti garantiti dalla “cessione del quinto dello stipendio” sono stati circa 52,5 milioni (47,5 nel 2012 e 35,7 nel 2011), pari all’11,3% dei premi del ramo credito. E’ proseguita anche nel 2013 l’incremento dei premi per questa garanzia assicurativa (+10,5% – tutti i premi di questi rischi sono di nuova produzione dal momento che il versamento avviene in misura unica).

Statistiche Ramo Credito al 31.12.2013

Intermedia Channel

Related posts

Top