Assemblea dei Soci di Cattolica Assicurazioni: Nominato nuovo CdA, confermati Bedoni e Minali

Cattolica Assicurazioni - Logo angelo (2) Imc

Cattolica Assicurazioni - Logo angelo (2) ImcL’assemblea dei Soci della compagnia assicurativa veronese ha approvato il bilancio di esercizio 2018 e nominato il nuovo CdA per il triennio 2019/2021. Paolo Bedoni ed Alberto Minali sono stati confermati nei rispettivi ruoli di presidente ed amministratore delegato. Approvata anche la distribuzione di un dividendo pari a 0,40 Euro per azione

Si è tenuta lo scorso 13 aprile l’Assemblea ordinaria dei Soci di Cattolica Assicurazioni. L’Assemblea ha approvato tutti i punti all’ordine del giorno, inclusa la proposta del CdA di distribuire un dividendo di 0,40 Euro per azione.

L’Assemblea ha nominato per il triennio 2019-2021 i seguenti membri del Consiglio di Amministrazione: Paolo Bedoni, Alberto Minali, Barbara Blasevich, Federica Bonato, Cesare Brena, Piergiuseppe Caldana, Bettina Campedelli, Luigi Castelletti, Chiara de’ Stefani, Rosella Giacometti, Giovanni Glisenti, Alessandro Lai, Carlo Napoleoni, Aldo Poli, Pierantonio Riello, Anna Strazzera ed Eugenio Vanda, tratti dall’unica lista presentata dal CdA.

Glisenti (in qualità di presidente), Brena e Bonato saranno inoltre membri del Comitato per il Controllo sulla Gestione per il triennio 2019–2021.

Il nuovo Consiglio di Amministrazione, riunitosi subito dopo il termine dell’Assemblea dei Soci, ha nominato Paolo Bedoni presidente e Alberto Minali amministratore delegato (entrambi confermati nei rispettivi ruoli).

“Ringrazio il Consiglio di Amministrazione uscente, con il quale abbiamo condiviso il primo mandato triennale della storia di Cattolica che ci ha permesso di compiere scelte importanti, di gettare le basi per un ulteriore sviluppo della compagnia e di approvare la riforma monistica, che valorizza il modello d’impresa cooperativo aprendoci ai Soci di capitale, grazie ai cui investimenti possiamo crescere e rispondere alle sfide del mercato – ha dichiarato Bedoni –. Il nuovo CdA ha adesso la responsabilità di rendere efficace il modello monistico e di garantire le migliori condizioni per perseguire gli obiettivi del Piano Industriale 2018-2020, nell’interesse di tutti i Soci e azionisti e di tutti coloro che si identificano nei valori di Cattolica. I Soci riuniti oggi in Assemblea hanno confermato la loro piena fiducia in queste scelte”.

“Oggi apriamo un altro importante capitolo nella storia della Società, consapevoli del lavoro che ci attende, ma anche fiduciosi nelle nostre capacità e nel nostro ruolo sul mercato, che consolideremo ancora nei prossimi anni proseguendo nella spinta innovativa che ha caratterizzato il mandato trascorso – ha proseguito il confermato presidente di Cattolica Assicurazioni –. Il 2018 è stato ricco di risultati postivi e siamo soddisfatti di poter remunerare i nostri Soci e azionisti con un dividendo di 0,40 Euro per azione”.

Approvazione del bilancio di esercizio 2018 e della distribuzione del dividendo

Come già annunciato al mercato ad inizio marzo, l’esercizio 2018 si è chiuso a livello consolidato con una raccolta premi complessiva del lavoro diretto ed indiretto Danni e Vita pari a 5,8 miliardi di Euro (+15,7%; a termini omogenei, escludendo la raccolta relativa alla partnership con il Banco BPM consolidata a partire dal secondo trimestre del 2018, l’indicatore mostrerebbe una flessione del 3,6%).

Nelle attività Danni i premi netti sono cresciuti del 4,4% (+1,3% a termini omogenei), mentre nei premi diretti Vita l’incremento è stato del 23,2% (-7,1% a termini omogenei). Il combined ratio è migliorato di 1,3 punti percentuali da 94,7% a 93,4%. In netto aumento sia il risultato operativo (+42,2% a 292 milioni; +17,8% a termini omogenei) sia il risultato netto di Gruppo (107 milioni di Euro contro i 41 milioni dell’esercizio 2017). L’indice Solvency II del Gruppo, dopo la prevista distribuzione del dividendo, è pari a 171%.

L’Assemblea ha anche approvato il bilancio di esercizio 2018 della Capogruppo, chiuso con un ammontare dei premi lordi contabilizzati del lavoro diretto e indiretto pari a 2,58 miliardi di Euro (-4,6% rispetto all’esercizio 2017), e con un utile netto che ammonta a 3 milioni di Euro.

Come anticipato, l’Assemblea ha approvato anche la distribuzione di un dividendo unitario complessivo pari a 0,40 Euro per azione, in aumento del 14,3% rispetto agli 0,35 Euro per azione deliberati per l’esercizio 2017.

Oltre alla determinazione delle politiche di remunerazione e dei piani di compensi basati su strumenti finanziari, l’assemblea ha approvato  il piano di acquisto e di alienazione di azioni proprie. L’autorizzazione proposta riguarda l’acquisto, in una o più volte, di azioni proprie fino al 20% del capitale sociale, per un periodo di 18 mesi dalla data della delibera assembleare.

L’acquisto e l’alienazione di azioni proprie sono finalizzati per disporre preventivamente di un pacchetto azionario disponibile per operazioni di varia natura, tra cui, hanno evidenziato dal Gruppo, operazioni straordinarie “volte a stabilire rapporti di partnership o collaborazione con altri operatori industriali ovvero finanziari, sempre nell’ambito del business tipico della Società”.

Nomina del Collegio dei Probiviri

L’Assemblea ha infine nominato, sempre per il triennio 2019-2021, i membri del Collegio dei Probiviri, componenti l’unica lista presentata da parte del CdA di Cattolica: il Collegio sarà composto da Pietro Clementi, Antonino Galice e Flavio Gnecchi quali Probiviri effettivi, Sergio Caneparo e Alberto Castagnetti quali Probiviri supplenti.

Intermedia Channel

Related posts

Top