Atradius, ricavi in crescita nel 2017

Atradius - Sede Amsterdam (5) Imc

Atradius - Sede Amsterdam (5) Imc

Il gruppo multinazionale operante nei comparti credito commerciale, cauzioni e servizi di recupero crediti chiude l’esercizio con ricavi totali pari a 1,84 miliardi di Euro – il 4,3% in più rispetto al 2016. Il risultato del ramo assicurativo e servizi sale dell’8,8% a 260,1 milioni, mentre il risultato netto segna una flessione del 12,1% a 186,2 milioni. In marginale miglioramento del combined ratio, che scende di 0,3 p.p. al 77,4%. Patrimonio netto e capitale di solvibilità si rafforzano del 6,6% a 2,1 miliardi di Euro, derivanti dalla generazione di profitti. Il coefficiente di solvibilità rimane solido oltre quota 200%

Atradius, gruppo multinazionale operante nei comparti credito commerciale, cauzioni e servizi di recupero crediti, ha presentato i risultati dell’esercizio 2017, nel quale sono stati raggiunti nuovamente “risultati significativi, con contributi consistenti e positivi” da parte di tutte le divisioni di Gruppo. L’utile di esercizio, appesantito dalla riduzione dei proventi finanziari ha segnato una flessione del 12,2% a 186,2 milioni di Euro, ma è stato sostenuto da un aumento del 4,3% dei ricavi totali a 1,84 miliardi. I ricavi da attività assicurative hanno raggiunto quota 1,72 miliardi, con un tasso di crescita del 2%. Nord America, Asia ed Europa Centrale ed Orientale hanno mostrato un progresso dei ricavi in linea con le ambizioni del Gruppo in queste regioni ed anche le linee di business per le multinazionali (Globale) ed il ramo cauzioni hanno ottenuto buoni risultati.

Il rapporto tecnico dei sinistri (ante riassicurazione) si è attestato al 41,7% praticamente invariato rispetto al 2016, come conseguenza “di un continuo alto livello di accettazione di rischio e di un’efficace gestione dello stesso”. Il tasso di spesa è sceso di 0,7 p.p. al 35,7%, “come risultato di un rigoroso controllo dei costi, in combinazione con investimenti ambiziosi nel campo delle tecnologie informatiche”. Gli sviluppi positivi in tutte le linee di attività hanno quindi portato ad un combined ratio lordo del 77,4% (-0,6 p.p. rispetto a fine 2016).

Il risultato da attività assicurative è salito a 255,1 milioni di Euro, il 10,4% in più rispetto al passato esercizio.

Per quanto riguarda il rapporto di solvibilità, la gestione e quantificazione del rischio di Gruppo è stata rafforzata. l coefficiente di solvibilità alla fine del 2017 era superiore al 200%.

Per quanto infine concerne le aspettative sull’esercizio in corso, Atradius prevede che l’economia globale continuerà a crescere nel 2018 e con essa i fatturati a credito che i clienti del Gruppo sottoporranno a copertura assicurativa, continuando a mettere pressione sui prezzi. Le barriere commerciali potrebbero spingere a ritorsioni rapide nel commercio globale, mentre le continue preoccupazioni sulla Brexit rappresentano delle minacce per le aziende con importanti attività di esportazione. Nonostante queste preoccupazioni, il Grupo si attende una crescita stabile, con insolvenze mediamente altrettanto stabili.

“Costruire un business stabile su cui i nostri clienti e partner possano contare per offrire costantemente un servizio eccellente ovunque loro facciano affari con noi, è stata per molti anni una priorità in Atradius. Con il miglioramento delle condizioni di business, i nostri clienti devono essere in grado di agire rapidamente per sfruttare le opportunità – ha commentato Isidoro Unda, presidente e CEO di Atradius –. Continuiamo a introdurre servizi innovativi come Atradius Insights nel 2016 e Atradius Atrium nel 2017. Con questi servizi consentiamo loro di reagire più rapidamente e prendere decisioni di gestione del credito più intelligenti. Collaborando con i nostri clienti crediamo di supportare meglio le loro esigenze di gestione del credito commerciale in modo che possano far crescere le loro attività in sicurezza”.

“La spinta alla crescita del Gruppo, che i dati del bilancio mostrano in modo evidente, nasce da una grande forza innovativa – ha aggiunto Massimo Mancini, Country Manager per l’Italia di Atradius – che tutto il Gruppo sta mettendo in campo a 360 gradi, dall’ideazione di nuove soluzioni tagliate sulle esigenze della propria clientela, per estendersi alla copertura dei servizi offerti e all’ampliamento della presenza in nuovi mercati, con la recente apertura di nuovi uffici nei Paesi dell’Europa dell’Est che, specialmente per le aziende italiane, rappresentano una nuova, importante frontiera per la crescita del proprio business”.

Intermedia Channel

Related posts

Top