AUA, i presidenti costituenti: “A nessuno deve sfuggire l’importanza ed il significato di questo momento”

Congresso AUA - Presidenti costituenti durante intervento Matteo Laterza IMC

Congresso AUA - Presidenti costituenti durante intervento Matteo Laterza IMC

Oltre 1.500 agenti UnipolSai hanno partecipato al Congresso che ha celebrato la nascita di Agenti UnipolSai Associati, “la migliore sintesi delle storie, delle esperienze e dei valori” dei sei gruppi agenti espressione della galassia riconducibile al gruppo assicurativo, “per una nuova progettualità, al passo con i tempi e con il mercato, ed un salto di qualità nelle relazioni industriali con la mandante”

Francesco Saverio Bovio, Fabrizio Chiodini, Paola Minini, Jean François Mossino, Nicola Picaro ed Enzo Sivori – membri del Comitato dei Presidenti A.U.A. (Agenti UnipolSai Associati) – hanno espresso in una nota congiunta grande soddisfazione per gli esiti della due giorni appena conclusasi a Torino e nella quale è stata celebrata “la nascita della maggiore Associazione Agenti nel panorama italiano della rappresentanza agenziale e della distribuzione”, un evento al quale hanno partecipato oltre 1.500 agenti UnipolSai.

“Vedere un numero così imponente di Colleghi riuniti insieme per partecipare ad un momento che possiamo senza dubbio definire epocale non solo per la nostra storia, ma per tutto il mercato assicurativo italiano – hanno dichiarato i sei presidenti – è stato emozionante e commovente e siamo profondamente orgogliosi di essere stati promotori di questo lungo e complesso percorso, condiviso in ogni passaggio con i nostri Associati, che ci hanno sostenuto ed incoraggiato e che ringraziamo dal profondo del cuore per aver dimostrato maturità, consapevolezza, lungimiranza e senso del bene comune. A nessuno deve sfuggire l’importanza ed il significato del passo che è stato appena compiuto”.

La creazione di una rappresentanza unica per i circa 4.100 Agenti che esprimono il mandato UnipolSai, hanno proseguito Bovio, Chiodini, Minini, Mossino, Picaro e Sivori, “costituisce un segnale forte di volontà e capacità di unione in un momento nel quale frammentazione, divisioni e disaffezione associativa sono preponderanti”.

“Continueremo ad impegnarci – hanno aggiunto i sei presidenti – affinché A.U.A. esprima la migliore sintesi di tutte le storie, le esperienze, i valori che fanno ormai parte di un patrimonio comune, per elaborare una progettualità nuova, che tenga conto dei mutamenti e delle evoluzioni del mercato, che portano con sé nuove e più ampie esigenze in termini di rappresentanza. Consapevoli dell’onore e della responsabilità che comporta l’impegno che i colleghi ci affidano, siamo certi che le relazioni industriali tra la nostra mandante ed il nuovo organismo unitario vedranno un ulteriore ed importante salto di qualità sotto tutti i profili”.

“Abbiamo molto apprezzato le dichiarazioni convinte che il management UnipolSai ha espresso in merito alla centralità della rete tradizionale agenziale sia sotto il profilo produttivo che di fattivo contributo all’elaborazione delle stesse strategie distributive  hanno concluso i sei presidenti costituenti – e lavoreremo affinché queste espressioni si traducano in concretezza sui numerosi tavoli aperti, nella logica del dialogo e del confronto costruttivo, senza mai perdere di vista l’interesse dei nostri associati”.

Intermedia Channel


Nella foto in apertura: i sei presidenti costituenti (da sinistra, Enzo Sivori, Fabrizio Chiodini, Jean François Mossino, Nicola Picaro, Paola Minini e Francesco Saverio Bovio) durante l’intervento del direttore generale di UnipolSai, Matteo Laterza 

Related posts

*

Top