Aviva Italia, il 2018 si chiude con l’utile operativo in decisa crescita

Ignacio Izquierdo Imc

Ignacio Izquierdo Imc

La compagnia ha registrato un incremento del 17% a 200 milioni di Euro per l’utile operativo e del 9% a 27,7 miliardi in termini di asset under management. Indicatori in significativa crescita nel Vita, con il valore attuale dei premi di nuova produzione che sale del 37% a 7,1 miliardi ed il valore della nuova produzione che aumenta del 36% a 252 milioni. Nei rami Danni, redditività in netto miglioramento, con il combined ratio che scende di tre punti percentuali a 95,1%

Il Gruppo Aviva in Italia ha chiuso il 2018 con indicatori positivi: l’utile operativo ha registrato una crescita del 17% a 200 milioni di Euro e salgono anche i volumi in termini di asset under management, con un incremento del 9% rispetto allo scorso anno, raggiungendo quota 27,7 miliardi.

Il ramo Vita ha registrato i migliori risultati di sempre con una crescita significativa sia nel valore della nuova produzione che nella raccolta. Nello specifico, il valore della nuova produzione è cresciuto del 36% rispetto al 2017, salendo a 252 milioni. Il margine è rimasto stabile a 3,6%, mentre il valore attuale dei premi di nuova produzione (PVNBP) ha osservato uno sviluppo del 37% a 7,1 miliardi di Euro. La raccolta netta è stata pari a 4 miliardi, in aumento del 48% rispetto al 2017.

La crescita degli indicatori Vita è stata trainata dai prodotti multiramo, che hanno registrato a fine 2018 un incremento del 161% rispetto al 2017 confermando così il loro ruolo di prodotto di punta dell’offerta della compagnia (ed incidendo oltre il 40% del totale della nuova produzione). Il 2018 si è contraddistinto anche per una forte diversificazione dei canali di distribuzione, con un volume di nuova produzione nel canale non bancario superiore al 40%.

Nel segmento Danni è cresciuta la profittabilità del portafoglio, con il combined ratio in miglioramento di tre punti percentuali a 95,1%. La raccolta premi del comparto si è attestata a 358 milioni di Euro, in calo del 7% rispetto al 2017, ma con indicatori positivi per quanto riguarda la redditività complessiva, grazie a iniziative mirate sul portafoglio Auto e a un ribilanciamento del mix di prodotto verso i Rami Elementari.

“Il 2018 ci ha visti alle prese con mercati finanziari molto sfidanti, ma questo non ci ha impedito di raggiungere risultati operativi brillanti – ha commentato Ignacio Izquierdo (nella foto), CEO di Aviva in Italia –. La strategia di diversificare i canali distributivi ha dato i suoi frutti portando i migliori risultati di sempre nel business Vita. Il ramo Danni ci ha visti ancora impegnati a ribilanciare il mix di prodotto e gli investimenti che stiamo facendo in termini di innovazione e semplificazione dell’offerta, ci fanno guardare al futuro con fiducia”.

Intermedia Channel

Related posts

Top