BOLLETTINO ISVAP SETTEMBRE: TRE INTERMEDIARI COLPITI DA SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE

ISVAP - Homepage sito web Imc

Mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale, mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati e mancato rispetto degli obblighi di informativa precontrattuale sono le violazioni contestate agli intermediari colpiti da sanzioni amministrative nel mese di settembre

Secondo quanto riportato dal Bollettino ISVAP del mese di settembre, sono tre gli intermediari colpiti da sanzioni amministrative pecuniarie fino a 22.000 Euro. Nel dettaglio:

  • Sanzione da 1.000 Euro per Giovanni Nicotra – ordinanza n. 3360/12 del 18 settembre – per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale;
  • Sempre per la stessa fattispecie di violazione, l’ordinanza n. 3361/12 del 18 settembre ha disposto uguale sanzione di 1.000 Euro per Maximiliano Daniele Di Castri;
  • E’ di 22.000 Euro, infine, la multa a carico di Carmelo Basile. L’ordinanza n. 3710/12 del 28 settembre ha disposto tale sanzione per mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in due occasioni e mancato rispetto degli obblighi di informativa precontrattuale, sempre in due occasioni.

Intermedia Channel

Related posts

One Comment;

  1. fabrizio said:

    Nonostante la mancanza di approfondimenti è sconcertante continuare a vedere sanzaioni pecuniarie elevate per gli intermediari, e riscontrare che ad una compagnia a cui sono state attribuite responsabilità nella gestione delle riserve venga comminata una multa di soli 26.000 euro.
    Indipendentemente che siano prevsite dalla disposizioni di legge, non è più sostenibile subire un impianto sanzionatorio di questo tipo.
    Auspico perltro che inizi a prevalere una politica “educativa” piuttosto che una cultura repressiva di queste dimensioni, fermo restando la necessità di debellare comportamenti sostanzialemente scorretti e concretamente pregiudizievoli nei confronti dei consumatori.

Comments are closed.

Top