Bollettino IVASS aprile 2019, 19 intermediari colpiti da sanzioni amministrative pecuniarie

Sanzioni - Archivio Imc

Sanzioni - Archivio Imc

L’importo totale delle sanzioni mensili a carico degli intermediari e delle società di intermediazione è di oltre 135.000 Euro

Sono stati 19 gli intermediari e le società di intermediazione oggetto delle sanzioni amministrative pecuniarie fino a 37.000 Euro (ed un totale di oltre 135.000 Euro) attraverso le ordinanze pubblicate lo scorso 31 maggio sul Bollettino IVASS di aprile. Nel dettaglio:

  • Quality Insurance Services s.r.l. – Ordinanza prot. n. 94142/19 del 2 aprile. Mancata comunicazione all’Istituto, nei termini previsti, della cessazione di rapporti di collaborazione (5.500 Euro);
  • Unigest s.r.l. – Ordinanza prot. n. 94145/19 del 2 aprile. Mancata comunicazione all’Istituto, nei termini previsti, della cessazione di rapporti di collaborazione (2.000 Euro);
  • Umbria Nord Assicurazioni s.n.c. – Ordinanza prot. n. 94148/19 del 2 aprile. Mancata comunicazione all’Istituto, nei termini previsti, della cessazione di un rapporto di collaborazione (1.000 Euro);
  • Felice Di Gennaro, Pierluigi Chieffi (in solido), Mirco Destratis (in solido), Giustino Maisto (rappresentante legale pro tempore di CDL Broker s.r.l., in solido), Enrico D’Andrea (rappresentante legale pro tempore di Recina Servizi s.r.l., in solido) e Gaetano Brucoli (in solido) – Ordinanza prot. n. 94158/19 del 2 aprile. Mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in 26 occasioni (26.000 Euro);
  • Criterium di Maiorana Nicoletta e Vincenzo & C. s.a.s. e Alessandro Abate (in concorso) – Ordinanza prot. n. 94159/19 del 2 aprile. Mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in 7 occasioni (11.500 Euro per Criterium di Mariorana Nicoletta e Vincenzo & C. s.a.s. e 17.500 Euro per Alessandro Abate);
  • Fabrizio Boccia – Ordinanza prot. n. 94191/19 del 2 aprile. Mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in due occasioni (3.000 Euro);
  • Claudio Gelli – Ordinanza prot. n. 94195/19 del 2 aprile. Mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in tre occasioni, mancato rispetto degli obblighi di adeguatezza dei contratti offerti in tre occasioni e mancato rispetto delle regole di separazione patrimoniale (12.000 Euro);
  • Felice Napolitano – Ordinanza prot. n. 95236/19 del 3 aprile. Mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati e mancato rispetto delle regole in materia di conservazione della documentazione contrattuale e precontrattuale (6.500 Euro);
  • Francesco Pasquariello – Ordinanza prot. n. 97542/19 del 5 aprile. Mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati (3.000 Euro);
  • Stefano Artioli – Ordinanza prot. n. 109410/19 del 18 aprile. Mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in 37 occasioni (37.000 Euro);
  • Valentina Giorgi – Ordinanza prot. n. 109982/19 del 18 aprile. Mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati (5.500 Euro);
  • AZ Associati s.a.s. di Zambruno Alberto (in persona del legale rappresentante pro tempore) – Ordinanza prot. n. 109988/19 del 18 aprile. Mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in cinque occasioni (5.000 Euro);
  • Stefano Silvestri – Ordinanza prot. n. 109991/19 del 18 aprile. Mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in due occasioni (2.000 Euro).

Intermedia Channel

Related posts

*

Top