BOLLETTINO IVASS GENNAIO 2014: 38 INTERMEDIARI COLPITI DA SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE

IVASS HPLe sanzioni totali a carico degli intermediari superano i 675.000 Euro

Secondo quanto riportato dal Bollettino IVASS del mese di gennaio – pubblicato lo scorso 28 febbraio – sono 38 gli intermediari colpiti da sanzioni amministrative pecuniarie fino a 180.000 Euro. Nel dettaglio:

  • L’ordinanza n. 36/14 del 9 gennaio ha disposto 6.000 Euro di sanzione nei confronti di Antonio De Iaco per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale e mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in cinque occasioni;
  • Gestione Finanziaria Assicurativa s.n.c. di Demarchi e Costantino & C. e Enzo Oreste Perin (in concorso) sono stati sanzionati, rispettivamente con 2.000 e 1.000 Euro per “esercizio, da parte della Gestione Finanziaria Assicurativa s.n.c. di Demarchi e Costantino & C., dell’attività di intermediazione assicurativa tramite un addetto (sig. Perin Enzo Oreste), in assenza della preventiva iscrizione al RUI quale proprio collaboratore” (Ordinanza n. 39/14 del 9 gennaio);
  • 3.000 Euro di multa (Ordinanza n. 40/14 del 9 gennaio) per Centro Studi e Servizi s.r.l.; alla società di intermediazione l’Istituto ha contestato il mancato rispetto delle regole di comportamento nei confronti dei contraenti per l’omessa o irregolare acquisizione in fase precontrattuale delle informazioni utili a valutare l’adeguatezza dei contratti offerti in due occasioni e mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale;
  • Il mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati (in due occasioni) è stata la causa della sanzione di 20.000 Euro a carico di Paola Pellandra (Ordinanza n. 41/14 del 14 gennaio);
  • L’ordinanza n. 53/14 del 14 gennaio ha disposto 30.000 di sanzione a carico di Adriani Roberto e Adriani Gianmaria s.a.s. per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale e mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in due occasioni;
  • Giovanna Maria Pia Inchiappa è stata multata con 3.333,33 Euro – Ordinanza n. 74/14 del 15 gennaio – per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale. Stessa violazione contestata, ma 1.000 Euro di sanzione, per Patrick Raitieri (Ordinanza n. 75/14 del 15 gennaio);
  • 6.333,33 Euro di sanzione per Trust Risk Group s.p.a. (Ordinanza n. 76/14 del 15 gennaio); alla società iscritta nella sezione B del RUI, l’Istituto ha contestato l’esercizio “di attività agenziale in regime di esclusiva per la società Am Trust Europe Limited, operante in Italia in regime di libertà di prestazione di servizi, senza previa cancellazione dalla sezione B ed iscrizione alla sezione A dello stesso RUI“, il mancato rispetto delle regole di comportamento nei confronti dei contraenti in sede di informativa precontrattuale e il mancato rispetto delle norme sulla separazione patrimoniale per due conti correnti;
  • Noi Finance s.r.l. (in liquidazione volontaria), Massimo Pastorelli e Maurizio Paganelli (entrambi in concorso) sono stati sanzionati con 1.000 Euro. Con l’ordinanza n. 77/14 del 15 gennaio l’IVASS ha riscontrato l’esercizio “da parte della Noi Finance s.r.l., dell’attività di intermediazione assicurativa avvalendosi, tramite il sig. Pastorelli Massimo, del sig. Paganelli Maurizio, addetto operante all’esterno dei locali agenziali in assenza della preventiva iscrizione al RUI quale proprio collaboratore“;
  • Trust Risk Group s.p.a. è stata di nuovo chiamata in causa – in concorso – dalle sanzioni da 1.000 Euro contenute nelle ordinanze 78/14 e 79/14 del 15 gennaio. Nel primo caso viene contestato l’esercizio, da parte di Rosanna Damiani s.r.l. (intermediario iscritto nella sezione A del RUI e ugualmente destinatario della sanzione da 1.000 Euro dell’ordinanza 78/14), “di attività di collaborazione in favore di Trust Risk Group s.p.a. (intermediario iscritto nella sezione B del RUI), senza previa cancellazione dalla sezione A ed iscrizione alla sezione E dello stesso RUI“. Nell’ordinanza successiva, viene invece contestato l’esercizio, da parte di GI.VA. Gestioni Assicurative s.r.l. (intermediario iscritto nella sezione A del RUI e ugualmente destinatario della sanzione da 1.000 Euro dell’ordinanza 79/14), “di attività di collaborazione in favore di Trust Risk Group s.p.a. (intermediario iscritto nella sezione B del RUI), senza previa cancellazione dalla sezione A ed iscrizione alla sezione E dello stesso RUI“;
  • L’ordinanza n. 152/14 del 21 gennaio ha disposto 1.000 Euro di sanzione a carico di Assitorino2000 Servizi s.a.s. per mancata comunicazione all’Istituto, nei termini previsti, della cessazione di un rapporto di collaborazione;
  • Il mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale è stata la motivazione della sanzione di 2.000 Euro a carico Maria Giuca (Ordinanza n. 154/14 del 21 gennaio). Medesima fattispecie di violazione, ma 10.000 Euro di multa, per Lucia Latino (Ordinanza n. 155/14 del 21 gennaio);
  • Le ordinanze 168/14, 169/14 e 170/14 hanno invece avuto come destinatario comune la Nuuk s.r.l.; nel primo caso, la società (in liquidazione) è stata sanzionata in concorso con Giuseppe Allocca (rispettivamente 2.000 e 1.000 Euro di sanzione) per “ricorso (da parte di Nuuk s.r.l.), nell’esercizio dell’attività di intermediazione, all’opera di un collaboratore (sig. Allocca Giuseppe) in assenza della preventiva iscrizione al RUI“. Nell’ordinanza 169/14, la società è stata multata in concorso con Somma di Somma Luisa & C. s.a.s. (rispettivamente 2.000 e 1.000 Euro di sanzione) per “ricorso (da parte di Nuuk s.r.l.), nell’esercizio dell’attività di intermediazione, all’opera di un collaboratore (Somma di Somma Luisa & C. s.a.s.), in assenza della preventiva iscrizione al RUI“. Nell’ultimo caso, Nuuk s.r.l. è stata sanzionata in concorso con Concetta Loffredo (rispettivamente 2.000 e 1.000 Euro di sanzione) per “ricorso (da parte di Nuuk s.r.l.), nell’esercizio dell’attività di intermediazione, all’opera di un collaboratore (sig.ra Loffredo Concetta), in assenza della preventiva iscrizione al RUI“;
  • Mano pesante dell’IVASS nei confronti di Marzio Lugnan. Con l’ordinanza n. 186/14 del 22 gennaio, l’Istituto ha emesso a suo carico una sanzione da 180.000 Euro per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale e mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in 16 occasioni;
  • Decisamente rilevante anche la sanzione contenuta nell’ordinanza n.187/14 del 22 gennaio. 150.000 Euro a carico di Luca Bollani per mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in 15 occasioni;
  • Giovanni Di Gemma è stato sanzionato con 39.999,97 Euro dall’ordinanza n. 188/14 del 22 gennaio. L’Istituto ha contestato all’intermediario il mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale e il mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in nove occasioni;
  • L’Ordinanza n. 189/14 del 22 gennaio ha disposto 10.000 Euro a carico di Raffaele Ivan Nigro per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale;
  • 3.000 Euro di sanzione – Ordinanza n. 228/14 del 23 gennaio – per Stanislao Angeli, in solido con la mandante Vittoria Assicurazioni. All’intermediario è stata contestata (durante un accertamento ispettivo)  la mancata accettazione di una proposta di assicurazione r.c. auto;
  • Due ulteriori ordinanze di sanzione per la Nuuk s.r.l.; nella prima – n. 237/14 del 23 gennaio – l’Istituto ha disposto 6.000 Euro di multa per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale e mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati. Nella seconda – n. 242/14 del 23 gennaio – la società è stata sanzionata in concorso con Silvio Vaccaro (rispettivamente 2.000 e 1.000 Euro di sanzione), per “ricorso (da parte di Nuuk s.r.l.), nell’esercizio dell’attività di intermediazione, all’opera di un collaboratore (sig. Vaccaro Silvio) in assenza della preventiva iscrizione al RUI“;
  • Il mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in due occasioni è la motivazione della multa di 6.666,67 Euro a carico di Monica Bolzoni (Ordinanza n. 239/14 del 23 gennaio);
  • L’Ordinanza n. 243/14 del 23 gennaio ha disposto 16.666,67 Euro di sanzione a carico di JRT Italia Broker s.r.l. per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale e realizzazione di una gestione finanziaria non in linea con l’art. 183, lettera d), del d.lgs. 209/2005, mancato rispetto degli obblighi di informazione precontrattuale e di conservazione della documentazione contrattuale e mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati;
  • Sergio Vecchioli Scaldazza è stato sanzionato con 46.666,62 Euro – Ordinanza n. 382/14 del 27 gennaio – per mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in 14 occasioni.
  • 46.666,63 Euro di multa per Luca Melzi, al quale l’IVASS ha contestato il mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale e il mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in 11 occasioni (Ordinanza n. 383/14 del 27 gennaio);
  • Il mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale e il mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati sono state le violazioni contestate a Iolanda Di Vietri, sanzionata con 2.000 Euro secondo quanto disposto dall’ordinanza n. 388/14 del 27 gennaio;
  • Viras International Insurance Broker s.p.a. è stata sanzionata con 2.000 Euro per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale per n. 2 conti correnti (Ordinanza n. 435/14 del 27 gennaio);
  • Cinque ordinanze in successione, dalla n. 509/14 alla n. 513/14 (tutte del 30 gennaio), hanno disposto altrettante sanzioni da 5.000 Euro nei confronti di Tiziana De Gregorio. L’Istituto le ha contestato “carenze informative del resoconto analitico dei rami danni sottoposti a valutazione attuariale delle riserve sinistri” in qualità di attuario incaricato della revisione contabile del bilancio d’esercizio 2010 di Fata Assicurazioni Danni, Padana Assicurazioni (ora Helvetia Italia Assicurazioni), Ina Assitalia (ora Generali Italia), Alleanza Toro (ora Generali Italia) e Assicurazioni Generali;
  • 3.000 Euro di sanzione per Formiass di Formisano Antonio & C. s.a.s., in solido con la mandante UnipolSai (già Milano Assicurazioni). All’intermediario è stata contestato (durante un accertamento ispettivo) il rifiuto di fornire un preventivo di polizza per l’assicurazione r.c. auto (Ordinanza n. 516/14 del 30 gennaio);
  • L’ordinanza n. 517/14 del 30 gennaio ha disposto 12.000 Euro di multa a carico Carmelo Ierace per mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in sei occasioni;
  • Il mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale è stata la motivazione della sanzione 10.000 Euro a carico di Ali s.r.l. (Ordinanza n. 518/14 del 30 gennaio);
  • Infine, le tre ordinanze dalla n. 526/14 alla n. 528/14 (tutte del 30 gennaio) si occupano di Blufin Consulting s.a.s. di Benedetto Caforio & C.; nei primi due casi, la società di intermediazione è stata sanzionata con altrettante multe da 1.000 Euro per ricorso, nell’esercizio dell’attività di intermediazione, all’opera di un collaboratore in assenza della preventiva iscrizione al RUI. Nell’ultimo caso, l’IVASS ha invece disposto 10.000 Euro di sanzione per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale;

Intermedia Channel

Related posts

Top