BOLLETTINO IVASS OTTOBRE: 65 INTERMEDIARI COLPITI DA SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE

Mano pesante dell’Autorità di vigilanza per quanto riguarda le sanzioni amministrative pecuniarie a carico degli intermediari: sono 65 i colpiti, per un totale di oltre 1,45 milioni di Euro. In tre casi le sanzioni superano i 100.000 Euro, con un massimo di 197.000

IVASS HPNel bollettino IVASS di ottobre, pubblicato lo scorso 29 novembre, l’Autorità di Vigilanza ha colpito con sanzioni disciplinari 65 intermediari, per un totale che supera 1,45 milioni di Euro. In tre casi, le sanzioni superano i 100.000 Euro, con un massimo di 197.000 per mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in 61 occasioni e mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale. Nel dettaglio:

  • L’ordinanza n. 2456/13 del 2 ottobre ha disposto 29.333,33 Euro di sanzione a carico di Ferruccio Ezio Seregni, al quale l’autorità ha contestato il mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale e il mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in 26 occasioni;
  • 2.000 Euro di sanzione per Wem di Endrizzi Walther & C. s.a.s. (Ordinanza n. 2457/13 del 2 ottobre) per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale e mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati;
  • La mancata ottemperanza nei termini alle richieste dell’Istituto è la violazione alla base della multa di 20.000 Euro a carico di Ferdinando Cardarelli (Ordinanza n. 2458/13 del 2 ottobre);
  • 94.000 Euro è la sanzione per Diamante s.n.c. di Franco Barbarino e Donatella Gellalia. Con l’ordinanza n. 2459/13 del 2 ottobre, l’IVASS ha contestato il mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale e il mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in n. 84 occasioni;
  • Mina Cardone è stata multata con 10.000 Euro per mancata ottemperanza nei termini alle richieste dell’Istituto (Ordinanza n. 2460/13 del 3 ottobre);
  • L’ordinanza n. 2461/13 del 3 ottobre ha disposto 49.000 Euro di sanzione a carico di Daniele Maestri per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale e mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in n. 48 occasioni;
  • La maggiore tra le sanzioni a carico degli intermediari contenute nel bollettino IVASS di ottobre è quella relativa all’ordinanza n. 2462/13 del 3 ottobre. 197.000 Euro di multa a Maria Teresa Donati per mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in 61 occasioni e mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale;
  • 10.000 Euro di sanzione per P.A. Insurance Broker s.r.l. e Fausto Davolio (in concorso) per mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati (Ordinanza n. 2466/13 dell’8 ottobre);
  • Evaldo Carrubba è stato multato con 1.000 Euro per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale (Ordinanza n. 2467/13 dell’8 ottobre).
  • L’ordinanza n. 2510/13 del 10 ottobre ha disposto 1.000 Euro di sanzione a carico di Assiteca-Fortune Insurance Broker s.r.l. per mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati;
  • Il mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in 2 occasioni e il mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale, sempre in 2 occasioni sono le violazioni contestate a Marco Sabatini con l’ordinanza n. 2521/13 del 10 ottobre (4.000 Euro di sanzione);
  • 10.000 Euro di multa per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale a carico di Assiduo s.r.l. (Ordinanza n. 2556/13 del 10 ottobre). Medesima violazione contestata e uguale importo sanzionatorio per Patrizia Panella (Ordinanza n. 2559/13 del 10 ottobre);
  • 1.000 Euro di multa per Maria Assunta Bombino per mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati (Ordinanza n. 2561/13 del 10 ottobre);
  • Il mancato rispetto delle regole di informativa precontrattuale in 2 occasioni e il mancato rispetto delle regole di adeguatezza dei contratti offerti sono le violazioni contestate dall’Istituto a Vincenzo Tedeschi (Ordinanza n. 2564/13 dell’11 ottobre – 3.000 Euro di sanzione);
  • L’ordinanza n. 2578/13 dell’11 ottobre ha disposto 3.000 Euro di sanzione per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale a carico di Pan Ass s.r.l.; medesima violazione contestata ma multa di 1.000 Euro per Matteo Fiorini (Ordinanza n. 2579/13 dell’11 ottobre) e Maria Rita Pira (Ordinanza n. 2587/13 dell’11 ottobre);
  • Sanzione di 4.333,33 Euro per Maurizio Domenico Rapisarda, al quale l’IVASS – con l’ordinanza n. 2588/13 dell’11 ottobre – contesta il mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale e il mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati. Un’ordinanza successiva – n. 2802/13 del 29 ottobre – ha nuovamente sanzionato Rapisarda con 1.000 Euro per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale;
  • 2.000 Euro di sanzione per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale a carico di Gregorio Dinoi (Ordinanza n. 2590/13 dell’11 ottobre);
  • Con l’ordinanza n. 2595/13 dell’11 ottobre, Corrado Bazzucco è stato multato con 16.666.53 Euro per mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in 4 occasioni e mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale;
  • L’ordinanza n. 2596/13 dell’11 ottobre ha disposto 3.000 Euro di multa a carico di Carmen Gaita per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale e mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in 2 occasioni;
  • Il mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale – 1.000 Euro di sanzione – è la violazione contestata dall’ordinanza n. 2597/13 dell’11 ottobre a Giuseppe Ragusa e Giovanni Di Quattro (in concorso);
  • 4.000 Euro di multa per Carmine Pietrangelo, al quale l’Istituto ha contestato il mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in 2 occasioni e il mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale, sempre in 2 occasioni (Ordinanza n. 2598/13 dell’11 ottobre);
  • Mario Passariello è stato sanzionato con 2.000 Euro per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale in 2 occasioni (Ordinanza n. 2599/13 dell’11 ottobre); Medesima violazione contestata e uguale importo sanzionatorio per Gianni Turazza (Ordinanza n. 2600/13 dell’11 ottobre);
  • Con l’ordinanza n. 2601/13 del 15 ottobre, l’IVASS ha disposto 19.333,33 Euro di multa per Danilo Licalsi, al quale è stato contestato il mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in 16 occasioni e il mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale;
  • 33.000 Euro è invece la sanzione a carico di Giuseppina Giacchi contenuta nell’ordinanza n. 2602/13 del 15 ottobre. Mancata comunicazione all’Istituto, nei termini previsti, del conferimento dell’incarico di un collaboratore, mancata comunicazione all’Istituto, nei termini previsti, della cessazione di un rapporto di collaborazione, mancato rispetto degli obblighi di informativa precontrattuale in 2 occasioni e mancato rispetto degli obblighi di informativa di adeguatezza dei contratti offerti in 29 occasioni sono state le violazioni contestate dall’Istituto;
  • Decisamente pesante la sanzione comminata a Giuseppa Bellavia. 168.000 Euro per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale e mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in 167 occasioni (Ordinanza n. 2603/13 del 15 ottobre);
  • Paride Margheriti è stato multato con 15.000 Euro per mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in 14 occasioni e mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale (Ordinanza n. 2604/13 del 15 ottobre);
  • 34.000 Euro è la sanzione comminata a Giusy Torregrossa dall’ordinanza n. 2605/13 del 15 ottobre. L’istituto ha contestato all’intermediario il mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in 12 occasioni e il mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale;
  • L’ordinanza n. 2606/13 del 15 ottobre ha disposto 27.000 Euro di sanzione a carico di Francesco Sciarra per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale e mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in n. 26 occasioni;
  • Il mancato rispetto all’obbligo di separazione patrimoniale e mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in 48 occasioni sono stati la causa della sanzione di 74.333,33 per Bridarolli Assicurazioni s.a.s. di Righi Bridarolli Ivo & C. (Ordinanza n. 2607/13 del 15 ottobre);
  • 2.000 Euro la sanzione a carico di Fabrizio Damascelli – Ordinanza n. 2624/13 del 16 ottobre – per mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati e mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale;
  • Con l’ordinanza n. 2627/13 del 17 ottobre, l’Istituto ha comminato 20.000 Euro di multa a M.C.A. Brokers s.r.l. per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale; stessa violazione contestata e uguale importo sanzionatorio per Assitutto s.a.s. di Filippo Turturici & C. (Ordinanza n. 2628/13 del 17 ottobre);
  • Il mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale e il mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in 18 occasioni sono le violazioni contestate a Damiano Ghiraldello – 63.333,27 Euro di sanzione – dall’ordinanza n. 2727/13 del 25 ottobre;
  • 70.000 Euro è invece la multa a carico di Adriano Macelloni per mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in 6 occasioni e mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale (Ordinanza n. 2728/13 del 25 ottobre);
  • L’ordinanza n. 2729/13 del 25 ottobre ha disposto 98.000 Euro di multa a carico di Mario Gaetano Anselmo Parazzini per mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in 98 occasioni;
  • Gianluca Callegari è stato sanzionato con 43.333,29 Euro – Ordinanza n. 2730/13 del 25 ottobre – per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale e mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in 12 occasioni;
  • Sanzione di 2.000 Euro per mancato rispetto degli obblighi di conservazione della documentazione contrattuale a Costanza Giuseppe e Cavarretta Michele s.a.s. (Ordinanza n. 2731/13 del 25 ottobre);
  • La mancata comunicazione all’Istituto, nei termini previsti, della variazione di indirizzo della sede agenziale è la causa dei 1.000 Euro di sanzione per Benedetto Bonalumi (Ordinanza n. 2747/13 del 29 ottobre);
  • 1.000 Euro di multa a Concetta Cambareri – Ordinanza n. 2756/13 del 29 ottobre – per mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati;
  • L’ordinanza n. 2770/13 del 29 ottobre ha disposto 10.000 Euro di multa per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale ad Aurum Insurance Broker s.r.l.;
  • Il mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale e il mancato rispetto degli obblighi di conservazione della documentazione contrattuale in 5 occasioni sono le violazioni contestate – 15.000 Euro di sanzione – a Rosanna Bucolo & C. s.a.s. (Ordinanza n. 2801/13 del 29 ottobre);
  • Un’altra tra le maggiori sanzioni contenute nel bollettino IVASS di ottobre è quella a carico di Paolo Grassi. 108.000 Euro per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale e mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in 44 occasioni (Ordinanza n. 2808/13 del 30 ottobre);
  • 23.000 Euro è stata invece la sanzione disposta a carico di Salvatore Silvio – Ordinanza n. 2810/13 del 30 ottobre – per mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in 23 occasioni;
  • Con l’ordinanza n. 2811/13 del 30 ottobre, l’Istituto ha comminato 26.000 Euro di multa a Assistudi di M. Tani & C. s.a.s. e Dario Argenziano (in concorso); contestato il ricorso, nell’esercizio dell’attività di intermediazione, alla collaborazione di un soggetto (sig. Argenziano) in assenza della preventiva iscrizione al RUI, il mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati e il mancato rispetto degli obblighi di informativa precontrattuale in 24 occasioni. Un’ordinanza successiva – n. 2849/13 del 30 ottobre – ha nuovamente sanzionato con 1.000 Euro la Assistudi di M. Tani & C. s.a.s. per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale;
  • Sanzione di 27.333,33 Euro a carico di Durantina di Marzoli Francesco & C. s.n.c. – in persona del liquidatore Francesco Marzoli, ordinanza n. 2812/13 del 30 ottobre – per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale e mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in 24 occasioni;
  • Elena Biondo è stata sanzionata con 2.000 Euro per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale e mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati (Ordinanza n. 2817/13 del 30 ottobre);
  • 4.000 di sanzione a carico di Renzo Ceconi, al quale l’Istituto – con l’ordinanza n. 2828/13 del 30 ottobre –  ha contestato il mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale e il mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in 3 occasioni;
  • L’ordinanza n. 2829/13 del 30 ottobre ha disposto 3.333,33 Euro di multa a carico di Consulenze Assicurative Umbria s.a.s. di Bianchini Fabrizio & C. (già Consulenze Assicurative Umbria s.n.c. di Bianchini G.) per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale;
  • Sanzione di 1.000 Euro per mancata comunicazione all’Istituto, nei termini previsti, della cessazione di un rapporto di collaborazione a carico di Agenzia Generale Ina Vita Assitalia di Legnano Colombo Assicurazioni s.r.l. (Ordinanza n. 2833/13 del 30 ottobre);
  • Il mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale è la causa dei 10.000 Euro di multa per Confinass s.a.s. di Enrico Satta e C. (Ordinanza n. 2840/13 del 30 ottobre);
  • Ital Brokers s.p.a. è stata sanzionata con 1.000 Euro – Ordinanza n. 2841/13 del 30 ottobre – per mancata comunicazione all’Istituto, nei termini previsti, della cessazione di un rapporto di collaborazione;
  • 10.000 Euro di sanzione a carico di Antonio D’Auria, al quale l’Istituto ha riscontrato il mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale (Ordinanza n. 2842/13 del 30 ottobre);
  • Giuseppe Brancato è stato sanzionato con 1.000 Euro per mancata comunicazione all’Istituto, nei termini previsti, della variazione di residenza (Ordinanza n. 2843/13 del 30 ottobre). Stesso importo sanzionatorio ma differente violazione contestata – mancata comunicazione all’Istituto, nei termini previsti, della cessazione di un rapporto di collaborazione – per Crispino Assicurazioni s.a.s. di Crispino Benedetto Benvenuto e Rodolfo (Ordinanza n. 2844/13 del 30 ottobre);
  • Mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale e mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati sono state le violazioni contestate a Elisa Ortelli (2.000 Euro di multa  – Ordinanza n. 2845/13 del 30 ottobre);
  • Sanzione di 10.000 Euro per mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati a carico di Europe Broker s.r.l. (Ordinanza n. 2846/13 del 30 ottobre). Stesso importo sanzionatorio, ma per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale, è stato comminato dall’Istituto a Oreste Pinto (Ordinanza n. 2847/13 del 30 ottobre);
  • Infine, 10.000 Euro di sanzione per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale a carico di Giuseppina Colangelo (Ordinanza n. 2850/13 del 30 ottobre).

Intermedia Channel

Related posts

Top