Candiolo (TO): Centinaia di auto senza assicurazione individuate dalle telecamere dei vigili

La polizia municipale ora punta a sanzionare i furbetti 

Circa 16mila tra automobili, moto e camion percorrono ogni giorno l’arteria principale del comune (Candiolo, provincia di Torino – ndIMC) e di questi veicoli ben 250 circolano senza assicurazione valida o privi di revisione. Sono i primi dati che la polizia municipale ha raccolto dopo 15 giorni di avvio delle telecamere di controllo del traffico comunale. Un esperimento voluto dall’ormai ex amministrazione, per dotare il paese di maggiore sicurezza e controllo. Ma potrebbero diventare anche un’arma importante di contrasto ai cosiddetti “furbetti” dell’assicurazione.

Traffico - Telecamera controllo ImcDalla sede dei vigili, il comandante Bruno Pavia spiega: «Sono numeri oltre le nostre aspettative. Le telecamere sono state installate in via Torino e via Pinerolo (ossia lungo la provinciale 140, ndr) e dai primi dati si evidenza questa altissima percentuale di veicoli irregolari, oltre che un volume di traffico generale non trascurabile». Ma le telecamere serviranno a ricavare i dati per inviare a casa le multe? «Non sono strumenti omologati per le contravvenzioni – precisa il comandante della municipale –, però non si esclude che nel prossimo futuro si possano mettere due pattuglie in punti strategici e fermare le automobili che le telecamere hanno precedentemente individuato essere tra quelle prive di regolare documentazione per circolare».

D’altronde la sicurezza sull’arteria principale del comune da sempre è al centro di controlli serrati. Prima la postazione autovelox all’entrata di Candiolo sia in direzione Torino che Pinerolo, poi il vista red ai semafori di via Torino, che ha già fatto registrare un forte calo delle infrazioni e ora le telecamere del controllo del traffico: «L’obiettivo – conclude Pavia –, è sempre quello di dare un senso di maggiore sicurezza ai cittadini. Le precedenti iniziative hanno già dato importanti frutti».

Autore: Massimiliano Rambaldi – CronacaQui Torino

Related posts

Top