CASO DONAU: SNA INCONTRA I VERTICI DELLA COMPAGNIA

Donau HiRes

Il sindacato nazionale delegato dai gruppi agenti aziendali GAD e GLADI all’incontro con la dirigenza Donau

Donau HiRes RettangolareDopo una lunga riunione tenutasi presso la sede SNA di Milano lo scorso 22 gennaio, i direttivi dei gruppi aziendali agenti Donau (GAD e GLADI) hanno confermato la delega al Sindacato Nazionale Agenti per incontrare, nel pomeriggio dello stesso giorno, i vertici della Compagnia.

La notizia è riportata dalla newsletter odierna SNA, che riferisce come la delegazione dell’associazione di categoria – composta dal presidente nazionale Claudio Demozzi, dal vicepresidente vicario Roberto Pisano e dal componente dell’Esecutivo Tiziana Belotti – si sia confrontata, presso la sede della compagnia, con i massimi vertici aziendali Donau, composti da Christof Gellan, Tullio Ferrucci, Francesco Bonvicino e Massimiliano Beretta.

In cinque ore di incontro – segnala la newsletter SNA – sono stati affrontati tutti i temi dello spinoso caso, fra i quali “l’interruzione del rapporto agenziale con i presidenti dei due Gruppi Agenti, la strategia e le prospettive Donau in Italia, la gestione dei rapporti con gli agenti e con i collaboratori dei medesimi, la riforma tariffaria RCA, l’ingresso della compagnia nel sistema CARD, la ripresa delle relazioni industriali con i GAA, le modalità di attuazione delle liberalizzazioni di portafoglio concordate, gli esposti ad Ivass e Mise aventi ad oggetto l’operato della Compagnia“.

Il presidente SNA Demozzi – prosegue la nota – ha chiesto “ripetutamente, quale condizione essenziale per giungere ad una normalizzazione dei rapporti con l’impresa, una moratoria nelle revoche, che il vertice aziendale non ha escluso, riservandosi alcuni giorni per esprimere una posizione ufficiale al riguardo“.

In merito al reintegro dei due presidenti di GAA cessati, l’impresa ha respinto ogni ipotesi in tal senso, “dichiarandosi tuttavia disponibile a valutare eventuali punti di convergenza, di interesse comune, per una pronta soluzione dei casi“.

Il Sindacato Nazionale osserva come la dirigenza Donau abbia risposto positivamente “alla richiesta del sindacato di coinvolgimento preventivo, sempre e comunque, di ciascun singolo Agente nella gestione delle problematiche legate ai suoi subagenti. Ha altresì proposto un abbassamento bilaterale dei toni del confronto, che SNA subordina alla riapertura urgente delle relazioni industriali con le Rappresentanze aziendali degli agenti ed all’accoglimento della richiesta di moratoria nelle revoche“.

La Compagnia ha quindi illustrato la sua attuale strategia di consolidamento in Italia, “smentendo con decisione qualsiasi ipotesi di ritiro dal mercato nazionale, documentando la propria solidità patrimoniale e finanziaria e ribadendo il proprio ambizioso programma di miglioramento del mix di portafoglio“.

Dopo questo primo incontro – che secondo lo SNA si è svolto in un clima “sufficientemente cordiale e costruttivo” – nel quale potrebbero essere state gettate “le basi per il ripristino di adeguate modalità di comunicazione e di confronto fra le parti“, il Sindacato Nazionale attende ora “le risposte ufficiali dell’impresa alle richieste formulate“.

Intermedia Channel

Related posts

Top