CATTOLICA: LE DECISIONI DELL’ASSEMBLEA DEI SOCI

Oltre ad approvare il bilancio 2011 si è discusso anche dell’assegnazione delle azioni, della determinazione delle politiche di remunerazione, delle modifiche statutarie e del piano di acquisto e di alienazione delle azioni proprie. Nominati i componenti del Cda e del collegio sindacale per il triennio 2012-2014.  

L’assemblea dei soci di Cattolica Assicurazioni ha approvato sabato scorso a Verona il bilancio di esercizio 2011 della società che si è chiuso con una raccolta premi complessiva del lavoro diretto e indiretto pari a 2.062 milioni di euro (1.879 milioni al 31 dicembre 2010; +9,7%), e un utile netto in base ai principi contabili nazionali pari a 5 milioni di euro. Il gruppo ha registrato un utile consolidato di 42 milioni di euro (89 milioni al netto degli oneri straordinari) e un utile netto di gruppo pari a 38 milioni di euro.

La raccolta premi complessiva del gruppo, lavoro diretto e indiretto è stata pari a 3.961 milioni di euro. Il patrimonio netto consolidato è pari a 1.223 milioni di euro, mentre il margine di solvibilità si attesta a 1,40 volte il minimo regolamentare a fine 2011. L’assemblea, in conformità a quanto previsto dal Regolamento Isvap n. 39 del 9 giugno 2011, ha adottato le politiche di remunerazione relative agli organi sociali, al personale e ad altri soggetti contemplati quali destinatari di principi generali da parte del Regolamento stesso.

Inoltre, su proposta del Cda, ha approvato il piano di acquisto e di alienazione di azioni proprie, che riguarderà un numero massimo di azioni pari al 3% del capitale sociale, per un controvalore massimo complessivo di libro delle azioni proprie di euro 30.000.000, per un periodo di 18 mesi dalla data della delibera assembleare.

«L’acquisto e l’alienazione di azioni proprie», si legge in una nota, «sono finalizzati sia all’eventualità di disporre preventivamente di un pacchetto azionario disponibile per operazioni straordinarie, sia per contenuti interventi sul mercato volti a dare liquidità e volumi stabili alle negoziazioni del titolo, e ad evitare incertezze ed oscillazioni ingiustificate nelle quotazioni. La richiesta di autorizzazione all’acquisto di azioni proprie non è preordinata a operazioni di riduzione del capitale sociale della Società tramite annullamento delle azioni proprie acquistate e/o al servizio di piani di stock-option».

In sede straordinaria, l’assemblea dei soci ha approvato la modifica degli articoli 2, 8, 9, 12, 13, 18, 19, 20, 27, 30, 33, 35, 36, 39, 40, 41, 44, 54 dello statuto sociale. «Le modifiche statutarie sono dovute in parte a esigenze di adeguamento a disposizioni legislative e in parte a esigenze di chiarezza e funzionalità».

Approvato anche l’aumento di capitale sociale per 8.113.293 di euro «mediante utilizzo di parte della riserva sovrapprezzo azioni disponibile, con conseguente remunerazione agli azionisti tramite assegnazione proporzionale di una azione gratuita ogni 20 azioni possedute e le correlate modifiche all’art. 24 dello statuto sociale. Le azioni avranno godimento dal 1° gennaio 2012 e godranno dei medesimi diritti delle azioni attualmente in circolazione».

NOMINE – L’assemblea ha nominato gli amministratori per il triennio 2012-2014, componenti la lista presentata dal Cda di Cattolica: Giovanni Battista Mazzucchelli, Giovannimaria Seccamani Mazzoli, Luigi Baraggia, Bettina Campedelli, Giulio Magagni e Alessandro Bandini. Le cariche sociali saranno attribuite nella seduta del Cda convocata per venerdi prossimo 27 aprile.

Nominato anche il collegio sindacale, che sarà costituito dal presidente Alessandro Lai, dai sindaci effettivi Cesare Brena, Luigi de Anna, Andrea Rossi, Franco Volpato e dai supplenti  Enrico Noris e Stefano Romito.

Redazione Intermedia Channel

Authors

Related posts

Top