CDA FONDIARIA SAI: COMOLI RASSEGNA LE DIMISSIONI

Maurizio Comoli pp Imc

Il ruolo del consigliere è incompatibile alla luce del cosiddetto divieto di interlocking (cariche incrociate).  

Maurizio Comoli (nella foto) si è dimesso dalla carica di consigliere di Fondiaria Sai. Il suo ruolo, spiega una nota, è incompatibile ai sensi dell’art. 36 del Decreto legge n. 201/2011 (cosiddetto “divieto di interlocking”).

Il consiglio di amministrazione della compagnia, che si è riunito ieri, oltre a deliberare di rinviare a una prossima riunione ogni decisione in merito alla composizione dell’organo, ha chiamato Nicolò Dubini e Giorgio Oldoini «a far parte del comitato per le operazioni con parti correlate costituito in relazione al progetto di integrazione con il gruppo Unipol, nonché incaricato di approfondire gli aspetti legati alla relazione del collegio sindacale della compagnia ex art. 2408 c.c.. Dubini e Oldoini si aggiungono a Roberto Cappelli, Salvatore Bragantini e Salvatore Militello.

Il consiglio, preso atto in precedenza delle dimissioni di Enzo Mei dalle cariche ricoperte nel comitato di controllo interno e nel comitato di remunerazione, aveva deliberato di chiamare a far parte dei due comitati, in sua sostituzione, Giorgio Oldoini, consigliere indipendente.

Redazione – Intermedia Channel

Authors

Related posts

Top