COFACE: NEL PRIMO SEMESTRE FATTURATO A +5,8%

L’aumento è dovuto al forte incremento (7,2%) del core business del gruppo, rappresentato dall’assicurazione dei crediti.  

Coface, guidata dal direttore generale Jean Marc Pillu (nella foto), ha reso noti i risultati conseguiti nel primo semestre 2012. Il fatturato del gruppo si è attestato a quota 808 milioni di euro. «L’aumento del 5,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente», spiega una nota, «è ancora dovuto al forte incremento (7,2%) del fatturato dell’attività di assicurazione dei crediti. La crescente autonomia finanziaria del factoring si traduce in una riduzione volontaria e temporanea dei finanziamenti legati a questa attività, che spiega la diminuzione del 14,3% del prodotto netto bancario».

Coface conferma la sua espansione verso i mercati dinamici, con una crescita in Asia e Pacifico (+22,7%), America Latina (+29,6%), Nord America (+24,7%) e in Europa Centrale (+14,4%). In totale, queste quattro regioni rappresentano più del 30% dei premi di Coface. Nei mercati tradizionali, essenzialmente europei, la crescita del fatturato è rallentata a causa della diminuzione dell’attività degli assicurati, specialmente nel Nord Europa e nell’Est Europa.

Il combined ratio della riassicurazione è pari all’81,6%, rispetto all’80,3% al primo semestre 2011 e all’85,4% al secondo semestre 2011. Coface ha continuato a migliorare la sua gestione del rischio, stabilizzando il loss ratio netto della riassicurazione, che si è attestato a 56,8% al primo semestre 2012, rispetto al 55,4% dello stesso periodo del 2011 e al 58,8% del secondo semestre 2011. Nonostante ciò, i rischi assicurati nella globalità sono aumentati del 3% tra il 30 giugno 2011 e il 30 giugno 2012. Il cost ratio è sceso a 24,8%, rispetto al 24,9% del primo semestre 2011 e al 26,6% del secondo semestre 2011.

Il portafoglio di investimenti ha generato un risultato finanziario di 23 milioni di euro, corrispondenti a un tasso di rendimento attuale sulle attività del 3,8%. Il risultato operativo corrente si è attestato a 97 milioni di euro (+25,8%).  Il risultato netto è pari a 68 milioni di euro, in aumento del 22,5%. Nel primo semestre 2012, è stato lanciato in Germania un programma di cartolarizzazione dei crediti del factoring. Questo progetto, da 1,1 miliardi di euro, ha sostanzialmente aumentato il contributo finanziario del mercato da parte del factoring, che è passato dal 13% del 31 dicembre 2011 al 48% del 30 giugno 2012.

L’aumento del risultato netto ha contribuito al rafforzamento dei capitali propri di Coface, che si attestano a 1.537 miliardi di euro al 30 giugno 2012, con una crescita del 5% dal 31 dicembre 2011. Il tasso di indebitamento resta quasi nullo al 30 giugno 2012 (0,1%).

Redazione – Intermedia Channel

Authors

Related posts

Top