Comune di Mantova: Incassato altro mezzo milione. La polizza-terremoto rincara

Mantova ImcBenedetta quella polizza Ina Assitalia «tutto compreso» stipulata nel 2010 e in scadenza nel 2015. È quella che sta consentendo al Comune di Mantova di ricevere indennizzi per i danni provocati dal terremoto di due anni fa a monumenti ed edifici di proprietà. Tanti soldi freschi da destinare non solo ai lavori di recupero degli immobili danneggiati ma anche ad altre opere.

Qualche giorno fa Generali (che nel frattempo ha rilevato Ina Assitalia) ha liquidato altri 500mila euro che si vanno ad aggiungere ai 3 milioni e mezzo già ricevuti, in due tranche, tra il 2012 e il 2013. Quella appena arrivata sarebbe la terza ma potrebbe anche non essere l’ultima, visto che nella determina dirigenziale di accettazione della somma si parla di «ulteriore anticipo di indennizzo». Risulta, infatti, che i periti di Comune e compagnia siano ancora al lavoro per quantificare i danni agli immobili e, dunque, tra qualche mese potrebbero arrivare altri soldi. Dei primi 3,5 milioni di euro il Comune ne ha spesi poco più di 2,950 per cofinanziare con l’Unione europea i lavori, tra gli altri, al Podestà, alla Ragione alla Teresiana. I prossimi risarcimenti saranno indirizzati ad interventi su edifici finora rimasti esclusi oppure su nuove opere. Dopo aver sborsato le prime due tranche di indennizzi, la compagnia, nel 2013, ha disdettato la polizza e così il Comune ha dovuto bandire una nuova gara, tuttora in corso, per i prossimi 18 mesi di copertura assicurativa. Per via Roma cautelarsi dal rischio terremoto d’ora in avanti sarà più costoso di prima. E infatti, mentre nel 2010, la polizza «All risk» tutto compreso costò 88mila euro, adesso il premio a base d’asta è di 112mila euro.

Fonte: Gazzetta di Mantova

Related posts

Top