CONSULTAZIONE VELOCE SULLA BOZZA DEL CONTRATTO RCA STANDARD

Ministero Sviluppo Economico - Facciata Imc

Il MISE, Ministero dello Sviluppo Economico (nella foto, la facciata del ministero a Roma), ha scritto nei primi giorni di febbraio a tutte le Rappresentanze degli Intermediari per chiedere un feedback sull’ultima stesura del Contratto Base RCA previsto dall’art. 22 del recente Decreto Crescita Bis; infatti, entro il giorno 8 febbraio tutte le rappresentanze destinatarie della corrispondenza avrebbero dovuto dare una risposta in merito.

Il corpo della proposta di contratto base si comporrebbe di un criterio molto “light” di contratto rc auto standard e di una riscrittura delle definizioni ad esso collegate. Sembrerebbe andare spedita l’introduzione di uno strumento di confronto oggettivo tra offerte di costo differenti a parità di garanzie effettivamente omogenee; in virtù dell’introduzione di questo nuovo strumento si è fatto leva per avanzare al Legislatore la richiesta di superare gli obblighi in capo agli intermediari previsti dall’ormai famoso art. 34, obbligo di confronto tra tariffe rc auto. Infatti il Legislatore ha operato un importante intervento di modifica all’art 13 della Legge di Stabilità assegnando all’IVASS il compito di individuare, entro il prossimo mese di giugno, modalità operative per i comparatori pubblici o delle singole Imprese, di comune accordo con le associazioni degli intermediari e con l’ANIA, superando di fatto l’art. 34.

Intermedia Channel

Related posts

Top