CONTRIBUTO DI VIGILANZA PER L’ANNO 2013 A CARICO DEGLI INTERMEDIARI

IVASS HP

IVASSCon Decreto del 10 luglio 2013, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.167 del 18 luglio 2013, il Ministro dell’Economia e delle Finanze, sentito l’IVASS, ha stabilito la misura del contributo di vigilanza dovuto per l’anno 2013 dagli intermediari assicurativi e riassicurativi iscritti nelle sezioni A, B, C e D del Registro Unico degli Intermediari assicurativi e riassicurativi.

L’autorità di vigilanza del settore assicurativo ha emanato quindi l’apposito Provvedimento n. 8 del 5 agosto 2013, dove sono state fissate le modalità e i termini di pagamento del contributo. Gli intermediari dovranno effettuare il pagamento al più tardi entro 30 giorni dalla data del predetto provvedimento.

Ricordiamo che per quanto riguarda gli iscritti in sezione A e sezione B, la misura del contributo a carico degli intermediari è stabilita come segue:

  • Sezione A (agenti di assicurazione)

a1) Persone fisiche € 50,00

a2) Persone giuridiche € 280,00

  • Sezione B (mediatori di assicurazione e riassicurazione)

b1) Persone fisiche € 50,00

b2) Persone giuridiche € 280,00

IVASS informa che la Banca Popolare di Sondrio è stata incaricata dall’Istituto del servizio di riscossione del contributo di vigilanza per gli anni 2013-2015, pertanto i bollettini di conto corrente postale emessi precedentemente, nonché le precedenti coordinate IBAN non possono più essere utilizzati. E’ in corso, da parte dell’istituto di credito incaricato, l’invio, ai soggetti tenuti al versamento del contributo, dei relativi avvisi di pagamento.

I contributi potranno essere pagati tramite bollettino M.Av. presso gli intermediari abilitati (gli sportelli di tutte le banche sul territorio nazionale, gli sportelli di Poste Italiane, gli sportelli Sisal e Lottomatica, on line tramite internet banking della propria banca, on line sul sito www.scrignopagofacile.it tramite carta di credito e PayPal), o tramite bonifico.

L’istituto raccomanda agli intermediari di effettuare i versamenti utilizzando esclusivamente gli strumenti di pagamento previsti dal citato Provvedimento IVASS.

E’ possibile accedere al sito https://servizi.popso.it/ivass, tramite digitazione del codice fiscale/partiva IVA e del codice RUI (10 caratteri compresa la lettera iniziale), per:

  • Ottenere copia dell’avviso di pagamento;
  • Confermare o aggiornare i dati anagrafici ed i recapiti;
  • Verificare lo stato della propria posizione contributiva;
  • Ottenere lo strumento d’incasso per versare, eventualmente, quanto ancora dovuto.

In caso di difficoltà di accesso al sito, l’IVASS chiede di inviare una comunicazione all’indirizzo di posta elettronica: assistenza.enti@popso.it. E’ altresì disponibile il numero verde 800.248464 per la richiesta di ristampa dei bollettini M.Av. eventualmente non pervenuti o smarriti.

L’autorità ricorda inoltre che a partire dal 1° gennaio 2013, a seguito del decreto legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito nella Legge 7 agosto 2012, n. 135, che ha previsto l’istituzione dell’IVASS, la tenuta del Ruolo Periti è stata trasferita alla CONSAP Spa. Per effetto del citato trasferimento, ogni informazione concernente il Ruolo (iscrizione, cancellazione, variazioni anagrafiche, segnalazioni, contributo di vigilanza, ecc.) è consultabile dal sito della CONSAP spa.

In ogni caso, i periti potranno verificare lo stato della propria posizione contributiva per le annualità 2008-2012 e ottenere lo strumento per versare quanto ancora dovuto attraverso il sito https://servizi.popso.it/ivass, tramite digitazione del codice fiscale e numero di matricola del Ruolo Periti (10 caratteri compresa la lettera P iniziale).

Sul sito internet IVASS, nell’area dedicata agli Operatori, sono disponibili, fra l’altro:

Intermedia Channel

Related posts

One Comment;

  1. andiamo di male in peggio said:

    non solo dobbiamo pagare un contributo annuale ma ogni anno si cambia modalita’ e i bollettini arrivono in ritardo, siamo italiani

Comments are closed.

Top