Contributo di vigilanza per l’anno 2016 a carico degli intermediari

Lavoratori autonomi - Contributi Imc

Lavoratori autonomi - Contributi Imc

Attraverso il Provvedimento n. 50 emesso nella giornata di oggi, martedì 31 ottobre, l’IVASS ha fissato le modalità e i termini di pagamento del contributo di vigilanza per l’anno 2016 (come da Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze dello scorso 3 agosto).

La misura del contributo di vigilanza è stata determinata come di seguito:

Sezione A – agenti di assicurazione

  • persone fisiche: 47 Euro
  • persone giuridiche: 264 Euro

Sezione B – broker

  • persone fisiche: 47 Euro
  • persone giuridiche: 264 Euro

Sezione C – produttori diretti: 18 Euro

Sezione D – banche, intermediari finanziari, SIM e Poste Italiane

  • banche con raccolta premi pari o superiore a 100 milioni di Euro e Poste Italiane: 9.400 Euro
  • banche con raccolta premi da 1 a 99,9 milioni di Euro: 6.800 Euro
  • banche con raccolta premi inferiore a 1 milione di Euro, intermediari finanziari e SIM: 2.300 Euro

La società NOVARES S.p.A. è stata incaricata del servizio di riscossione del contributo di vigilanza per gli anni 2016-2018. Gli intermediari dovranno effettuare il pagamento del contributo al più tardi entro il 30 novembre 2016; il termine è prorogato al 20 dicembre 2016 per gli intermediari aventi residenza o sede legale nei comuni del Centro Italia colpiti dal sisma del 24 agosto 2016 (Decreto MEF del 1/9/2016) e in quelli eventualmente individuati con decreto successivo.

I contributi, ricorda l’Istituto, devono essere pagati esclusivamente mediante:

  • bollettino postale o ordine di bonifico bancario precompilati, da scaricare dal sito https://ivass-linkmate.novares.it/ tramite digitazione del codice fiscale/partiva IVA e del codice RUI (10 caratteri compresa la lettera iniziale). Il bollettino postale è pagabile presso gli uffici postali, le tabaccherie, i punti vendita collegati alla rete Sisal e Lottomatica;
  • le principali carte di pagamento (carta di credito, carta prepagata, PayPal, MyBank), sempre collegandosi al sito internet https://ivass-linkmate.novares.it/.

Attraverso lo stesso sito è possibile inoltre verificare l’eventuale morosità pregressa e pagare i contributi arretrati ancora dovuti. I bollettini di conto corrente postale emessi precedentemente, nonché le precedenti coordinate IBAN non possono più essere utilizzati.

In caso di difficoltà di accesso al sito https://ivass-linkmate.novares.it/ sono attivi gli indirizzi: novaresgestioni@novares.pec.it e ivass@novares.it oppure il numero verde 800.262.300, attivo nei giorni lavorativi con orario 9.00-17.00.

Intermedia Channel

Related posts

Top