CONVEGNO FONDAZIONE SEVERO GALBUSERA “RESPONSABILITA’ SANITARIA: DIRITTO E ASSICURAZIONE” – VERONA, 11 APRILE

Rc professionale medici - Stetoscopio ImcLa Fondazione Severo Galbusera (centro studi internazionale dell’intermediazione assicurativa) organizza per il prossimo 11 aprile a Verona il convegno “Responsabilità Sanitaria: Diritto e Assicurazione”. I lavori si terranno a partire dalla ore 14 presso l’Auditorium Bisoffi di Cattolica Assicurazioni (Lungadige Cangrande, 16).

Come sottolineano gli organizzatori in una nota, “il tema è di particolare attualità e di rilevanza generale, alla luce anche del cosiddetto decreto Balduzzi che ridefinisce le regole della responsabilità sanitaria”.

La spesa sanitaria – prosegue la nota – è di gran lunga la prima voce di spesa a livello regionale e una delle più rilevanti a livello nazionale. La qualità del servizio offerto, ai cittadini è strettamente correlato oltre che al livello della spesa anche all’efficienza organizzativa dei presidi territoriali deputati, a cui sono direttamente legati i casi di mala sanità, che producono oneri molto rilevanti a carico della collettività. Negli ultimi anni si riscontra un crescente aumento delle richieste di risarcimento da parte dei cittadini, soprattutto nei settori della chirurgia, dell’ortopedia e della ginecologia, che ha comportato difficoltà crescenti, se non l’impossibilità di coprire tali danni con le assicurazioni. Il costo delle polizze ha raggiunto livelli tali che in alcuni casi sono stati ritenuti inaccettabili”.

I medici che operano privatamente – aggiungono gli organizzatori – si trovano di fronte a prezzi che rendono spesso non più economica l’attività libero professionale, altrettanto dicasi della case di cura private che devono sostenere costi e rischi sempre più crescenti. Alcune regioni hanno deciso di tenersi il rischio in proprio. Altre come la regione Veneto hanno scelto di sopportare franchigie molto elevate su ogni sinistro, (sull’ordine dei 500.000 euro), e di gestirsi i sinistri entro tale soglia in proprio, senza ricorrere all’assicuratore”.

Questa situazione – continua la nota – espone ora più di prima i sanitari, medici e infermieri, per la loro responsabilità, in quanto ogni danno pagato direttamente da parte dell’ente pubblico è soggetto alla ulteriore valutazione della Corte dei Conti, per verificare la eventuale colpa grave da parte del sanitario, unico caso in cui lo Stato richiede al responsabile il pagamento di quanto corrisposto a terzi per il danno subito. Prima tale valutazione era svolta prevalentemente dalle compagnie di assicurazione, che potevano avere meno interesse ad approfondire la questione della eventuale colpa grave del sanitario, essendo spesso gli assicuratori sia dei medici che delle strutture pubbliche e quindi avrebbero pagato comunque. Gli effetti di questa maggiore esposizione al rischio da parte del personale sanitario comporterà certamente l’aumento della cosiddetta medicina difensiva, con maggiori accertamenti e minore assunzione di rischio, con evidente aggravio dei costi a carico della collettività”.

La materia verrà trattata in tutti i suoi profili, giuridici, applicativi e assicurativi, compresa la formazione e la gestione del rischio clinico, “prerequisiti fondamentali per la riduzione dei danni da malasanità”. Al convegno sarà presente l’ex ministro Renato Balduzzi, l’assessore alla sanità della Regione Veneto Luca Coletto, oltre ad alcuni dei più accreditati esperti del settore giuridico, sanitario e assicurativo.

La partecipazione al convegno è gratuita. Possono iscriversi, fino ad esaurimento posti, i sanitari, gli avvocati e gli assicuratori; per queste due ultime categorie sono previste rispettivamente 3 e 4 ore di crediti formativi.

Convegno “Responsabilità Sanitaria: Diritto e Assicurazione” – Programma e scheda di iscrizione

Intermedia Channel

Related posts

Top