Da Consob multa agli ex vertici delle Poste

Poste Italiane - Ufficio postale Imc

Poste Italiane - Ufficio postale Imc

(di Celestina Dominelli – Il Sole 24 Ore)

Nel mirino alcuni prodotti emessi. La replica: «I necessari correttivi adottati da tempo»

Nel mirino è finita la violazione delle norme sui conflitti di interesse e sulla valutazione di adeguatezza degli investimenti nella gestione, tra il 2011 e il 23 maggio 2014 di alcuni prodotti emessi da società del gruppo Poste Italiane. Per questo motivo la Consob ha deciso di multare gli ex vertici comminando una sanzione amministrativa di 60mila euro a Poste in solido – sulla base dell’articolo 195 del testo unico della finanza – con i responsabili della violazione, tra cui l’ex ad Massimo Sarmi (gli altri sono Paolo Martella, ex responsabile del BancoPosta, Paolo Marchese, responsabile mercato privati, Dario Sciacca, responsabile commerciale privati all’epoca dei fatti contestati e Francesca Sabetta, allora responsabile dei prodotti finanziari).

Nella delibera pubblicata ieri nel bollettino della commissione presieduta da Giuseppe Vegas e datata 31 luglio, si sottolinea che sono state violate le norme che impongono agli intermediarsi di comportarsi «con diligenza, correttezza e trasparenza per servire al meglio l’interesse dei clienti» identificando i conflitti di interesse e gestendoli in modo da evitare che incidano negativamente sugli interessi dei clienti. La commissione ha inoltre rilevato carenze sulla profilatura della clientela, la ricostruibilità dei comportamenti e la mancata valutazione di adeguatezza sui disinvestimenti.

A stretto giro è arrivata la replica del gruppo guidato da Francesco Caio che, dopo aver sottolineato che «la vicenda riguarda la precedente gestione» e che l’entità delle sanzioni indica «la marginalità delle inadempienze riscontrate», ha fatto sapere di aver adottato «da tempo, su indicazioni di Consob condivise, i necessari correttivi».

Nella prestazione di tutti i servizi, inclusi quelli finanziari, «Poste – si legge ancora nel comunicato – ha sempre considerato la cura degli interessi del cliente e il suo soddisfacimento, quali elementi fondanti del suo operato, costruendo negli anni un rapporto di fiducia con i cittadini che continuano a trovare in Poste, sulla base dei concreti risultati, un riferimento sicuro e trasparente per i loro risparmi».

Related posts

Top