DAL CONVEGNO ANNUALE ANRA EMERGE MAGGIOR ATTENZIONE ALLE GESTIONE DEL RISCHIO

Oltre 300 partecipanti al XIV convegno annuale promosso dall’associazione, due giornate ricche di contenuti di alto profilo 

ANRA - XIV Convegno Annuale - La platea ImcIl XIV Convegno annuale di ANRA (nella foto, un momento dei lavori) si è chiuso con la presenza record di oltre 300 fra risk manager iscritti all’associazione e ospiti delle business e insurance community. L’associazione non nasconde la soddisfazione per la riuscita di questa edizione, che ha visto la partecipazione di 114 Risk Manager delle principali aziende italiane, oltre 200 addetti ai lavori del mondo assicurativo, universitario e consulenziale, 21 relatori italiani ed esteri.

È la prima volta che le figure apicali delle principali compagnie assicurative impegnate nel Corporate arrivano in Italia per confrontarsi sul rischio nelle imprese, e questo è avvenuto grazie alla rilevanza che sta assumendo ANRA e l’evento che ha saputo organizzare”, commenta Paolo Rubini, Presidente dell’associazione.

Credo che il nostro Convegno Annuale abbia contribuito in modo importante a dare valore alla professione del Risk Manager. Per la prima volta nel nostro Paese, e grazie alla presenza di ospiti illustri, la rilevanza della figura del Risk Manager viene riconosciuta da una ampia comunità di stakeholders dell’impresa. Come è emerso nella tavola rotonda di venerdì – prosegue Rubini –, compagnie assicurative, investitori e imprenditori sono interessati ai processi di gestione del Rischio nelle imprese, attribuendo a questi il valore di essere uno degli elementi distintivi della qualità del management, utile a conseguire maggiore merito creditizio per le imprese stesse. Questo è un aspetto in piena convergenza con quanto già evidenziato da ANIA, cioè una correlazione negativa tra il livello di copertura assicurativa e la probabilità di default delle imprese”.

In apertura del Convegno annuale è stata posta l’attenzione sui numeri che a livello europeo descrivono e fotografano la funzione del risk manager: nel 35% delle imprese la responsabilità diretta della gestione del rischio è in capo a un Chief Risk Officer o a un Risk Manager. Nel 27% dei casi la responsabilità diretta è assunta dall’amministratore delegato o dal CFO, mentre il board nel suo complesso è responsabile nel 14% delle aziende. Più della metà delle aziende intervistate, il 56%, ha detto di aver aumentato nel corso degli ultimi tre anni le risorse destinate all’istruzione e alla formazione per le funzioni di Chief Risk Officer. In ogni caso, le aziende sottolineano l’importanza del coinvolgimento diretto del CdA. Ed è chiaro che senza il supporto del CdA, il processo di risk management non può funzionare. E proprio sulla scorta di questi dati ANRA “ha assunto un ruolo di interlocutore nel dialogo tra imprese e comunità del rischio”.

Crediamo che qualcosa si stia muovendo nella nostra comunità professionale – continua Rubini –. Ci sono segnali forti di una maggiore attenzione alla identificazione, misurazione e gestione dei rischi aziendali, ed Anra sta progressivamente mettendo a disposizione dei Soci presenti e futuri un bouquet di conoscenze interdisciplinari di gestione dei rischi, una competenza professionale che è per propria natura trasversale: dalla componente tecnologico – ingegneristica, alla finanza fino alla pianificazione strategica. Conoscenze queste che possono far crescere il ruolo del Risk Manager in azienda verso l’attività di coordinamento di un processo integrato di gestione del rischio”.

Ritengo che questo convegno abbia rappresentato un piccolo esempio di acceleratore della diffusione della cultura del Risk Management, che come ANRA portiamo avanti con convinzione. Ci mettiamo a disposizione – conclude il presidente dell’associazione – per collaborare con chiunque possa fungere ugualmente da acceleratore in tal senso: compagnie assicurative, broker, Pubblica Amministrazione, università, e, non ultime, le grandi imprese, che possono molto operare sulla la catena dei fornitori”.

(nella galleria che segue, da sinistra verso destra: Paolo Rubini – presidente ANRA, l’Ammiraglio di Squadra Cristiano Bettini, Presidente dell’Organismo Indipendente di Valutazione della Performance del Ministero della Difesa e altri momenti dei lavori)

Intermedia Channel

Related posts

Top