DESTINAZIONE ITALIA: RC AUTO, ANAPA PRESENTA TRE EMENDAMENTI

ANAPA HiRes HPANAPA si muove sul tema della Rc Auto “per tentare di ridurre i nuovi oneri burocratici a carico degli intermediari” introdotti dall’art. 8 del D.L. n. 145/2013 (Destinazione Italia) annunciando la presentazione di tre emendamenti “che hanno la finalità di semplificare e tutelare la categoria degli intermediari di assicurazione sul tema della Rc Auto”: gli emendamenti sono stati formulati grazie al confronto instaurato con l’onorevole Giulio Cesare Sottanelli, capo gruppo di “Scelta Civica per l’Italia” in VI Commissione Finanze.

Condividendo lo spirito e la ratio del D.L. – si legge in una nota – che ha come obiettivo primario la riduzione delle tariffe nel segmento”, l’associazione ha voluto esprimere le sue perplessità in merito all’obbligo di proporre agli assicurati l’ispezione preventiva del veicolo, a fronte di uno sconto, richiedendo che venga emendato da obbligo in facoltà. ANAPA sostiene, tra l’altro, che tale norma “sarebbe di ardua applicazione per quegli agenti con la sede agenziale nei centri cittadini ed in zone a traffico limitato, traducendosi in un ulteriore carico di costi da sopportare a scapito del servizio da garantire alla clientela, in una fase in cui, vuoi per la congiuntura economica sfavorevole, vuoi per un’evoluzione selettiva del mercato assicurativo, le agenzia già soffrono di una crisi di redditività senza precedenti”.

Un altro tema sul quale l’associazione di categoria ha espresso i propri timori è quello riguardante le sanzioni, considerate eccessive e che dovrebbero restare a carico delle compagnie e non degli agenti, “i quali possono aver compiuto dell’inadempienza a causa di una disorganizzazione che non può essere punita con sanzioni di siffatta misura”.

Secondo ANAPA – prosegue la nota – per mirare a semplificare gli oneri burocratici a carico degli agenti di assicurazione “sarebbe opportuno istituire un modello unico standard, come in previsione, che contenga tutte le necessarie informative precontrattuali, i potenziali conflitti d’interesse e l’adeguatezza dei contratti offerti, da sottoporre al cliente. L’adozione di questo modello rappresenterebbe un vantaggio anche per gli agenti che svolgono la loro attività in collaborazione con altri intermediari, con un considerevole alleggerimento (si pensi solo alla riduzione del numero delle firme) della relazione da intrattenere con il cliente senza venir meno all’esigenza di tutela del consumatore. Inoltre l’indebolimento degli oneri a carico degli agenti potrebbe, in momento congiunturale come quello attuale, evitare di pesare ulteriormente sui bilanci delle agenzie e incidere sul lato occupazionale delle stesse”.

Ci siamo trovati subito in sintonia con l’On. Sottanelli, il quale, tra l’altro, da agente di assicurazione (con mandato Vittoria Assicurazioni – ndIMC) conosce molto bene quali sono i problemi che interessano quotidianamente la nostra attività – dichiara Vincenzo Cirasola, Presidente Nazionale di ANAPA –. L’obiettivo e la ratio del DL sono pienamente condivisi da Anapa, ma riteniamo molto importante che si vada verso una semplificazione degli oneri burocratici il cui carico è diventato insostenibile non solo per noi operatori del settore, ma anche per i nostri clienti. E’ necessario intervenire sul punto ancora una volta per via legislativa, visto che anche la legge di conversione del D.L. n.179/2012 che aveva previsto una riduzione degli adempimenti cartacei e della modulistica è rimasta, purtroppo, lettera morta. Auspichiamo, pertanto, nell’interesse non solo della nostra categoria, ma del mantenimento dei posti occupazioni che garantiscano le agenzie di assicurazioni da noi rappresentate, che questa sia la volta buona”.

Intermedia Channel

Related posts

One Comment;

  1. fabrizio said:

    Sono pienamente d’accordo. Uno dei principali obiettivi, se non il principale, della categoria agenziale deve essere a mio giudizio quello di richiedere un sostanziale snellimento dell’attività burocratica, il cui peso è attualemnete insostenibile e assai sindacabile.
    Inoltre è fondamentale un’attività di sensibilizzazione rispetto all’attuale impianto sanzionatorio che risulta spropositato e punitivo, mettendo a rischio la capacità economica e il fututo degli agenti di assicurazione.

Comments are closed.

Top