È nata AUA. Oltre i confini

Congresso AUA IMC

Congresso AUA IMC

Celebrata a Torino la costituzione della nuova associazione che raccoglie gli oltre 4.000 intermediari della galassia UnipolSai. Tra gli invitati anche i sindacati di categoria. Duro intervento dello SNA

Al Lingotto di Torino si è celebrata il 22 e 23 marzo scorsi la costituzione di AUA, acronimo di Agenti UnipolSai Associati e frutto della fusione del GA SAI di Jean François Mossino (riconfermato presidente nel corso dell’ultimo Congresso elettivo del Gruppo – a margine dell’evento – e per doveri statutari), del GAA UnipolSai di Nicola Picaro, dello IUS Associati di Fabrizio Chiodini, della federazione GALFMAGAP di Paola Minini e Francesco Bovio e dell’AAU di Enzo Sivori, per un totale di 4.182 agenti. Allo stato attuale si tratta della più grande associazione di rappresentanza degli intermediari.

L’evento ha previsto per ciascun gruppo costituente fasi ordinarie e straordinarie in sedi separate, per permettere alle rispettive assemblee di pronunciarsi a favore o contro la confluenza in un’unica associazione, al termine di un percorso di confronto sul territorio che ha impegnato i sei presidenti in giro per l’ Italia.

Nel tardo pomeriggio del 22 marxo, nella sala dei congressi del Lingotto, dopo l’esito favorevole di tutti i gruppi proprio i sei presidenti si sono presentati ai propri associati, accolti da un caloroso e lungo applauso.

A rompere il ghiaccio ed a fare il primo intervento Vittorio Giovetti, agente-consigliere di amministrazione di UnipolSai, che ha portato il suo saluto raccontando la propria esperienza ormai al termine del mandato, seguito da Lorenzo Cottignoli, presidente dell’associazione delle Assicoop (le agenzie societarie di UnipolSai).

E’ stata poi la volta dei presidenti delle due associazioni di rappresentanza degli agenti, ANAPA Rete ImpresAgenzia e SNA, Vincenzo Cirasola e Claudio Demozzi.

Il primo, visibilmente emozionato, è apparso sotto tono ed il suo intervento molto articolato ed affidato alla carta stampata ne è risultato appannato e più volte interrotto non molto educatamente da una fazione probabilmente partigiana di una parte del pubblico, che ha costretto a turno i presidenti stessi ad intervenire. L’intervento di Claudio Demozzi, partito invece con un tripudio da tifoseria calcistica, si è via via raffreddato quando, dopo l’applauso iniziale, il presidente SNA si è rivolto duramente prima proprio ai presidenti indicando loro di aver chiarito ogni dubbio circa la fede dei loro associati e successivamente rivolgendosi proprio a coloro che lo stavano osannando rimproverandoli di non essere stati altrettanto presenti quando nello statuto di AUA non era stata conservata la clausola di adesione “naturale” allo SNA.

L’intervento di Demozzi è poi proseguito rimarcando la contrarietà, non solo politica ma anche normativa, alla presenza di un agente-consigliere nel CdA UnipolSai e indicando alcuni interventi ritenuti urgenti volti a migliorare la retribuzione provvigionale delle agenzie, alla dirigenza della nuova associazione, la cui stessa denominazione avrebbe preferito fosse rimasta “Gruppo”. Nell’imbarazzo generale della situazione, il saluto si è così trasformato in un attacco, cui ha risposto Enzo Sivori affermando perentoriamente e con voce stentorea apprezzata dal pubblico che, probabilmente, i sindacati non si erano resi conto del contesto nel quale si trovassero, facendo signorilmente appello all’intelligenza dei loro presidenti che avrebbero saputo cogliere in un secondo momento la situazione.

L’incontro è proseguito con l’intervento del’AD di Unipol Gruppo e presidente di UnipolSai Carlo Cimbri e si è concluso, dopo la cena organizzata con un catering di pietanze delle varie eccellenze delle regioni italiane, con uno spettacolo di Antonio Albanese.

Il giorno successivo l’assise è ripresa con un lungo confronto dei presidenti con i dirigenti d’impresa ed al quale hanno partecipato il condirettore generale assicurativo Enrico San Pietro, la direttrice tecnica Danni e Sinistri Giovanna Gigliotti, il neo-direttore commerciale Claudio Belletti, il neo-direttore vendite Giorgio Chiarini, il direttore Welfare e Vita Angelo Galetti, il direttore operations assicurativo Massimo Piana.

Al termine, un intervento di saluto e chiusura del direttore generale Matteo Laterza, che non ha risparmiato un passaggio ironico sull’intervento del presidente SNA del giorno prima.

Intermedia Channel

Related posts

Top