È obbligatoria l’assicurazione condominiale?

Condominio - Settore immobiliare - Appartamenti ImcÈ obbligatoria, da parte del condominio, la stipula di una polizza assicurativa che copra dal rischio di eventuali danni che le parti comuni potrebbero cagionare agli stessi condòmini o a terzi?

Ove il regolamento condominiale nulla disponga in proposito, la risposta al quesito non può che essere negativa: non esiste, infatti, nel nostro ordinamento una norma che preveda un obbligo del genere.

La decisione, quindi, è rimessa alla volontà dei condòmini, i quali saranno chiamati a deliberare sul punto – come chiarito dalla Cassazione (cfr. sent. n. 15872 del 6 luglio 2010) – con un numero di voti che rappresenti, sia in prima sia in seconda convocazione, la maggioranza degli intervenuti in assemblea e almeno la metà del valore dell’edificio (fermo il quorum costitutivo formato da tanti condòmini che rappresentino: in prima convocazione, la maggioranza dei partecipanti al condominio e i due terzi del valore dell’edificio; in seconda convocazione, un terzo dei partecipanti al condominio e almeno un terzo del valore dell’edificio).

Per completezza, c’è poi da sottolineare, in argomento, che l’amministratore non ha alcun potere di stipulare un contratto di assicurazione senza l’autorizzazione dell’organo assembleare.

È una precisazione (da ritenersi ancora valida dopo la riforma dato che nulla è stato innovato con riguardo alla particolare questione che ci occupa) espressa anch’essa dai Supremi giudici, i quali hanno ritenuto non rientrare tra le attribuzioni di chi amministra un fabbricato la conclusione di un contratto del genere (cfr. sent. n. 8233 del3 aprile 2007).

Autore: Corrado Sforza Fogliani, presidente Confedilizia – Il Giornale

Related posts

Top