Easy Welfare amplia il pacchetto Caring per la salute

Easy Welfare

Easy WelfareFocus sulla terza età e sulla cura dell’alimentazione

“In Italia ci sono oltre quattro milioni di persone anziane non-autosufficienti e tre milioni di familiari che si prendono cura di salute, assistenza, gestione della casa, riorganizzazione della vita. Questo impegno mette a dura prova ogni individuo nella conciliazione vita e lavoro, generando stress psicofisico significativo”. Partendo da questo presupposto, Easy Welfare ha deciso – a due mesi dal lancio ufficiale del pacchetto Caring – di ampliare ulteriormente il ventaglio dedicato alle prestazioni sanitarie aggiuntive fruibili tramite la piattaforma.

A fare il suo ingresso nel mondo del welfare aziendale è VillageCare: una partnership, quella siglata, che permette al provider di focalizzarsi sulla terza età e su tutte le problematiche sanitarie ad essa collegate. Il servizio – si legge in una nota – consentirà a tutti gli utenti iscritti alla piattaforma Easy Welfare di usufruire della consulenza di esperti del settore per svolgere un’analisi puntuale e personalizzata della propria situazione familiare e delle relative esigenze.

Le novità del pacchetto caring proseguono con Foodmily, realtà che si affaccia per la prima volta alle piattaforme welfare con un servizio dedicato alla nutrizione e alla corretta alimentazione per la cura del corpo e della mente. Con questa ultima partnership (la quinta del pacchetto dopo Doc.24, Dr Care e Miglior Salute – servizi per checkup medici con specializzazioni diverse – e la già citata Village Care) l’azienda completa il progetto caring avviato qualche mese fa.

“Chiudiamo il primo semestre portando il pacchetto caring a cinque partnership – dichiara Davide Bertolasi, direttore Marketing del Gruppo Easy Welfare –. Oggi tramite la piattaforma (e attraverso gli accordi siglati) riusciamo a coprire cinque diverse aree sanitarie, ogni partner scelto possiede ha una sua specializzazione ed è in grado di fornire un servizio di alta qualità all’utente finale: il lavoratore. Non escludiamo la possibilità di ampliare il pacchetto valutando nuove collaborazioni durante il secondo semestre; la forza del nostro servizio è e deve rimanere il nostro network”.

Intermedia Channel

Related posts

Top