EIOPA, rimangono invariati i rischi per il settore assicurativo

EIOPA - Bandiera (2) Imc

EIOPA - Bandiera (2) Imc

Nel nuovo rapporto sulla stabilità finanziaria l’Autorità europea sul settore assicurativo ammonisce sui possibili effetti negativi (soprattutto a breve termine) della politica di quantitive easing BCE per alcuni modelli di business

EIOPAl’Autorità europea delle assicurazioni e delle pensioni aziendali e professionali, ha pubblicato nella giornata di oggi il nuovo rapporto sulla stabilità finanziaria. Secondo l’Authority, i rischi individuati nella relazione dello scorso dicembre rimangono sostanzialmente sostanzialmente invariati: il debole contesto macroeconomico debole, il protrarsi dei bassi tassi di interesse e l’aumento dei rischi sul credito continuano ad impattare sul settore assicurativo e riassicurativo europeo.

Per EIOPA, l’attuale politica di quantitative easing (QE) nella zona Euro può creare condizioni favorevoli nel lungo periodo per le compagnie ed fondi pensione, a condizione che vi sia un miglioramento della crescita economica. Nel breve termine, tuttavia, il QE ha ulteriormente ridotto i tassi privi di rischio, mettendo ulteriore pressione ad alcuni modelli di business. La politica espansiva della BCE potrebbe inoltre ridurre in modo significativo i volumi complessivi per alcune classi di attività. In circostanze simili, un possibile “effetto-gregge” degli investitori, legato ad esempio al deterioramento della situazione geopolitica, potrebbe portare ad uno scenario negativo di stress combinato.

Nel settore assicurativo, la redditività dei prodotti rimane sotto forte pressione, con un potenziale impatto negativo sugli indicatori di solvibilità. Nel settore riassicurativo, i rischi derivanti dal contesto di bassi rendimenti potrebbero sollecitare un ulteriore consolidamento. I premi riassicurativi hanno subito maggiori tensioni nel momento in cui le imprese hanno dovuto fronteggiare la continua concorrenza delle fonti alternative di capitale (come le Insurance linked securities, segmento in cui rientrano i Cat Bonds). Secondo l’Authority, anche il comparto dei fondi pensione professionali è chiamato ad affrontare una serie di sfide. I programmi a prestazione definita sono colpiti dal calo dei tassi di interesse (così come avviene per le gestioni separate assicurative) ed anche i profitti futuri di quelli a contribuzione definita ne potrebbero subire gli effetti.

“L’attuale situazione macroeconomica pone sfide impegnative per alcuni modelli di business delle compagnie e dei fondi pensione. In questo contesto è fondamentale che le diverse autorità di vigilanza effettuino un attento monitoraggio della situazione e incalzino il settore sulla sostenibilità dei propri modelli operativi – ha dichiarato il presidente di EIOPA, Gabriel Bernardino –. E’ inoltre necessario che l’industria assicurativa e riassicurativa affronti le vulnerabilità di sistema e proceda alla ristrutturazione del mix di prodotto. Le misure transitorie previste da Solvency II dovrebbero essere utilizzate per garantire un graduale passaggio al nuovo regime, evitando perturbazioni di mercato e assicurando nel contempo che le imprese adottino le misure necessarie per riorganizzare le proprie attività”.

Intermedia Channel


EIOPA Financial Stability Report – Maggio 2015 (in inglese)​

Related posts

Top