Farad Group lancia il primo fondo ESG al mondo dedicato al rischio idrico

Acqua (Foto Pixabay - Pexels) Imc

Acqua (Foto Pixabay - Pexels) Imc

Nuova inziativa nell’ambito degli investimenti socialmente responsabili per FARAD Group, gruppo internazionale specializzato nel fornire servizi B2B in ambito assicurativo e finanziario, che in occasione del prossimo Salone del Risparmio (in programma a Milano dal 2 al 4 aprile p.v.), presenterà la nuova Business Unit GreenEthica – piattaforma B2B interamente dedicata alla sostenibilità – e lancerà Water Security Fund, fondo azionario non tematico dedicato a raggiungere il Goal #6 (“Acqua pulita e servizi igienico sanitari disponibili per tutti”) dei Sustainable Development Goals promossi dalle Nazioni Unite.

GreenEthica, che supporterà sia gli assicuratori sia il mondo della finanza “racchiudendo tutta l’offerta di servizi sostenibili del Gruppo” (selezione fondi ESG, gestione patrimoniale e di fondi, wealth planning e brokeraggio assicurativo) avrà quindi a disposizione un nuovo prodotto “che vuole rispondere prontamente a uno tra i 17 più importanti obiettivi dell’Agenda 2030 dalle Nazioni Unite”. Il Fondo si pone infatti come obiettivo quello di replicare il Limeyard Water Risk US 50 Index, benchmark creato ad hoc da Limeyard, società austriaca specializzata nella creazione di indici per terze parti, basato sull’esposizione al rischio idrico di molte delle società quotate nel mondo.

Water Security Fund, spiegano inoltre da FARAD, verrà lanciato come comparto della piattaforma Magnetica SICAV-RAIF, gestita da Selectra Management Company (società di creazione, gestione e distribuzione di fondi d’investimento del Gruppo FARAD).

TSC Water Security Fund – si legge inoltre in una nota – “sarà il primo fondo responsabile non tematico che investe in società attente alla gestione delle risorse idriche e dalla forte impronta ESG. È un’innovazione chiave che consente ai gestori patrimoniali e agli investitori di investire in un mercato liquido, mantenendo l’attenzione sul rendimento del portafoglio e influenzando le grandi aziende in termini di gestione delle risorse idriche”. Partner del progetto sarà Thomas Schumann Capital, nel ruolo di Promotore e Investments Advisor.

“Il nostro Gruppo crede fortemente nella sostenibilità e nella potenza dei veicoli finanziari per finanziare progetti che contribuiscono a risolvere le sfide più urgenti dell’ambiente e della società – ha commentato Marco Caldana, presidente e fondatore di FARAD Group –. Secondo recenti statistiche della World Health Organization e dell’Unicef, oltre un miliardo di persone nel mondo non ha accesso all’acqua potabile e un numero doppio non dispone di servizi igienici nelle proprie abitazioni, senza contare che i mutamenti climatici stanno provocando siccità ed eventi metereologici estremi che comportano gravi ripercussioni sul piano igienico sanitario e sulla sopravvivenza stessa di molte popolazioni. Di conseguenza molte società sono sempre più esposte direttamente o indirettamente ai rischi derivanti dalla corretta gestione delle risorse idriche. E’ per noi motivo di orgoglio essere ancora una volta in prima linea negli investimenti a impatto eccezionale”.

Intermedia Channel

Related posts

Top