FONDIARIA SAI: UTILE NETTO IN DECISO RIALZO NEL PRIMO TRIMESTRE 2013

Fondiaria SAI - Sede Intera

Raccolta premi Vita in forte recupero: +36,7%

Fondiaria SAI - Sede InteraIl cda di Fondiaria-SAI, riunitosi nella giornata di ieri, ha approvato i conti consolidati relativi al primo trimestre 2013. Il trimestre chiude con un risultato netto consolidato che evidenzia un utile di 99,4 milioni di euro (in netto rialzo rispetto ai 29,1 milioni del primo trimestre 2012), grazie soprattutto al positivo risultato tecnico del settore Danni.

La raccolta premi ammonta a 2.616,5 milioni di euro (2.494,6 milioni al 31 marzo 2012), con una crescita del 4,9% rispetto all’analogo periodo dello scorso anno. Tale progresso deriva dalla forte crescita del settore Vita (+36,7%) e in particolare del comparto della bancassicurazione, che registra un incremento di oltre il 50%. La raccolta complessiva, comprensiva delle polizze di investimento dei Rami Vita, ammonta a 2.628,8 milioni di euro (+ 4,8%).

Nei Rami Danni, la raccolta del lavoro diretto ha raggiunto 1.441,2 milioni di euro rispetto ai 1.634,6 milioni totalizzati a fine marzo 2012 (-12%). Nei Rami Auto, “le sfavorevoli condizioni macroeconomiche – concretizzatesi anche nell’ulteriore calo del 12% nelle immatricolazioni di autoveicoli nuovi – e la rigorosa selezione di portafoglio effettuata, che tra l’altro ha visto dimezzato il portafoglio flotte“, hanno prodotto un calo sia nel ramo Corpi Veicoli Terrestri, che si attesta a 126 milioni di euro (-15,1%), sia nella RC Auto, dove i premi ammontano a 804,4 milioni (-15,5%). Sempre nella RC Auto, si rileva una consistente diminuzione dei sinistri denunciati, pari al 16,3%, mentre nel CVT il calo è del 10%.

Negli Altri Rami Danni, il confronto con lo stesso periodo 2012 ha fatto emergere un calo della raccolta premi pari al 4,3%, “derivante soprattutto dalle azioni di ridimensionamento del portafoglio Corporate“. Complessivamente, l’andamento tecnico del settore fa registrare un combined ratio che si attesta al 93,6%, denotando un miglioramento di 7 punti percentuali rispetto al dato al 31 marzo 2012 (100,6%). Il settore quindi chiude con un utile prima delle imposte di 132,8 milioni di euro (9,2 milioni al 31 marzo 2012).

La raccolta dei rami Vita ha raggiunto 1.174,5 milioni di euro, che si confronta con 859 milioni (+36,7%), con un’evidente crescita riconducibile al comparto della bancassicurazione. Il settore rileva un utile prima delle imposte pari a 78,2 milioni di euro (59,8 milioni al 31 marzo 2012).

Il cda ha quindi provveduto alla nomina delle cariche sociali confermando, per tutta la durata del suo mandato e, quindi, fino all’approvazione del bilancio dell’esercizio 2015, Pierluigi Stefanini nella carica di Vice Presidente e Carlo Cimbri nella carica di Amministratore Delegato.

Intermedia Channel

Related posts

Top