GENERALI ITALIA VEDE POSITIVO E PUNTA AL RAFFORZAMENTO DELLA LEADERSHIP DI MERCATO

Avviato programma di integrazione delle strutture distributive, operative e delle piattaforme informatiche: nel 2016, 3000 punti vendita con un’unica offerta di prodotti e un unico marchio. Razionalizzazione gamma prodotti (da 270 a 70). Riqualificazione professionale di oltre 1000 persone. Nuova campagna di comunicazione #vediamopositivo: occhiali ‘giganti’ nelle piazze di Venezia, Roma e Torino. Nel 2013 la compagnia è risultata al primo posto in Italia per raccolta premi (19,6 miliardi di Euro) con una quota di mercato del 15,4%. Migliorata, già nel 2013, la redditività del business con risultato operativo a 1,7 miliardi di Euro (+16%)

Generali Italia, la nuova Compagnia che riunisce tutte le attività assicurative di Generali in Italia, ha presentato oggi nella storica sede delle Procuratie di Venezia il piano 2014-2016 mirato a rafforzare la propria posizione di leadership sul mercato italiano.

Philippe Donnet - Presentazione Generali Italia ImcGrazie alla qualità dei risultati ottenuti nel 2013 e alla rapidità con cui sta procedendo l’integrazione operativa, Generali Italia può vedere positivo”, ha dichiarato Philippe Donnet (nella foto), amministratore delegato di Generali Italia. “Stiamo facendo questo immenso lavoro per essere ancora più vicini ai nostri clienti e per garantire a tutti lo stesso livello di eccellenza nell’offerta assicurativa. Siamo fiduciosi che questo impegno ci porterà ad essere la Compagnia assicurativa di riferimento delle persone, delle famiglie e delle imprese, rafforzando la nostra posizione nel mercato italiano”.

Visibili in Piazza S. Marco anche le grandi installazioni della nuova campagna di comunicazione di Generali Italia, “Vediamo Positivo”, un paio di giganti occhiali dalle lenti colorate presenti da oggi anche in P.zza Farnese a Roma e P.zza Vittorio Emanuele a Torino.

Piano di Integrazione 2014-2016

Con la fusione di Alleanza-Toro in Generali Italia e lo scorporo di Alleanza, si è completato il riassetto societario della Compagnia nata a luglio 2013 dalla fusione tra le attività italiane di Generali e Ina-Assitalia.

Il nuovo assetto di Generali Italia – che comprende le controllate Alleanza, Genertel e Banca Generali – è funzionale “all’avvio di un articolato programma di integrazione operativa con l’obiettivo di migliorare il livello di servizio ai clienti e alle reti, attraverso l’adozione di sistemi informativi più efficienti, processi più snelli, e una gamma prodotti selezionata”.

Poli specialistici. La nuova Compagnia opererà attraverso quattro centri di eccellenza sul territorio italiano, specializzati nei vari segmenti di business: Mogliano Veneto, dedicato al segmento Vita e alle PMI, Roma, al settore Non Auto e alle Istituzioni, Torino, al settore Auto, e Milano, alla Liquidazione Sinistri. La specializzazione dei poli, segnala Generali Italia, “comporta un programma di formazione intensivo che coinvolge oltre mille persone per la loro riqualificazione e lo sviluppo professionale all’interno dei nuovi poli”.

Sistemi informativi. L’integrazione prevede l’unificazione dei sistemi informativi e l’adozione di un’unica piattaforma comune per tutte le 1.500 agenzie della Compagnia in Italia. Generali Italia sta procedendo in parallelo con la semplificazione e la razionalizzazione della gamma di prodotti, che passeranno da oltre 270 a 70, selezionata “in base alle best in class delle diverse compagnie che si sono fuse in Generali Italia per garantire ai clienti i migliori prodotti vita e danni”.

Prodotti e servizi assicurativi. Nel 2014 la compagnia punta ad offrire “soluzioni flessibili e personalizzate, grazie a polizze Auto telematiche ‘a consumo’ che consentono di modulare il premio sulla base dei chilometri effettivamente percorsi, mentre sul versante delle polizze Vita l’innovazione di prodotto è rappresentata da Valore Futuro, una formula che combina la protezione del capitale alle opportunità di rendimento offerte dai mercati azionari”.

“Attenzione e vicinanza al cliente – si legge ancora in una nota – richiedono inoltre di semplificare i processi ed offrire standard di servizio omogenei e di qualità’ attraverso l’uso della tecnologia: per questo Generali Italia ha definito una strategia digitale che prevede l’attivazione di servizi di Home Insurance a favore di agenti e clienti, basati su nuove piattaforme di gestione del sito web, lo sviluppo delle app di servizio (quali e-polizza che già oggi ha registrato oltre 34.000 download e permette, ad esempio di denunciare un sinistro via smartphone) e la sperimentazione di assistenza al cliente in mobilità attraverso la dotazione di tablet agli agenti”.

Risultati 2013

Nel 2013 Generali Italia ha realizzato complessivamente 19,6 miliardi di Euro di premi (+2,3% sul dato 2012, di cui 12,8 miliardi della sola compagnia, 3,9 miliardi di Alleanza e 2,9 miliardi di Genertel), costituiti da 13,3 miliardi di Euro per la parte vita e 6,3 miliardi per la parte danni. Il risultato operativo è stato pari a 1,726 miliardi di Euro (+16% vs 2012), a cui hanno contribuito 1,008 miliardi di risultato operativo vita e 591 milioni di risultato operativo danni.

La Campagna di Comunicazione: #vediamopositivo

Per la sua prima campagna di comunicazione, Generali Italia ha scelto “un format innovativo volto a avvicinare e coinvolgere le persone, invitandole a #vederepositivo”: la fase iniziale della campagna – partita il primo giorno di primavera – prevede l’installazione di un paio di occhiali giganti dalle lenti colorate nelle piazze di Venezia, Roma e Torino, cui seguiranno Milano, Bologna e Napoli. Gli occhiali – sottolinea Generali Italia – “sono la metafora dell’invito a guardare il presente e il futuro con ottimismo” perché “vedere la vita con positività è il primo passo per migliorarla”. Le persone nelle Piazze potranno interagire con le installazioni ed esprimere il proprio pensiero positivo su www.vediamopositivo.it, dove sarà possibile pubblicare foto, video e post. La campagna si svilupperà poi ad aprile con una attività pubblicitaria multimediale su tv, radio, stampa, web e proseguirà da maggio con iniziative di marketing sul territorio che vedranno protagonisti gli oltre 2600 agenti della Compagnia.

Intermedia Channel

Related posts

Top