GFT, primo trimestre 2016 con utili e ricavi in rialzo

Ulrich Dietz (2) Imc

Ulrich Dietz (2) Imc

I ricavi consolidati del Gruppo, tra i principali fornitori di soluzioni IT a livello mondiale per il settore dei servizi finanziari, salgono a 97,39 milioni di Euro. +24% a 46,05 milioni per la divisione Continental Europe. Gli utili salgono del 6% a 10,15 milioni. Confermate le previsioni per il 2016

GFT Technologies, tra i principali fornitori di soluzioni IT a livello mondiale per il settore dei servizi finanziari, ha chiuso il primo trimestre 2016 con ricavi e utili in crescita. A trainare l’andamento – che su base regionale ha registrato un deciso incremento dei volumi nella divisione Continental Europe e un lieve rallentamento per Americas & UK – sono stati la domanda di soluzioni per la digitalizzazione dei processi di business e l’implementazione dei requisiti di compliance nel settore finanziario.

I ricavi consolidati sono aumentati del 10% raggiungendo quota 97,39 milioni di Euro (88,52 milioni nel primo trimestre 2015). Rettificato del contributo dei ricavi della società spagnola Adesis Netlife (Adesis), acquisita a luglio 2015, la crescita organica di GFT si attesta al 6%. I ricavi generati con i clienti del Regno Unito ammontano a 34,97 milioni, in diminuzione del 13% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Questo andamento, spiega la società, è dovuto “allo spostamento dei budget degli investimenti di alcuni clienti dal Regno Unito agli Stati Uniti, così come al ritardo nella decisione di avviare nuovi progetti nel settore dell’investment banking”. Si è registrata una corrispondente crescita del 40% nei ricavi generati negli Stati Uniti, che hanno raggiunto quota 12,57 milioni. In Spagna, GFT ha ottenuto una significativa crescita dei ricavi (+85%) a 17,37 milioni. Anche in questi primi tre mesi del 2016, la domanda è stata molto consistente, da parte delle banche retail, per le soluzioni per la digitalizzazione dei loro processi di business.

L’utile prima degli interessi, imposte e ammortamenti (EBITDA) è cresciuto del 6%, attestandosi a 10,15 milioni di Euro e l’utile ante imposte (EBT) sale del 2,2% a 7,04 milioni. In crescita anche l’utile per azione, passato da 0,18 a 0,21 Euro.

L’informativa di settore di GFT è cambiata con effetto dallo scorso 1° gennaio. A seguito della vendita della divisione emagine, dedicata alla fornitura di risorse professionali, è mutata la struttura degli elementi aziendali utilizzati per definire i settori. L’ex divisione GFT è stata suddivisa nei settori Americas & UK e Continental Europe. I risultati dell’anno precedente sono stati rettificati di conseguenza. Il settore Americas & UK comprende le società di Regno Unito, Stati Uniti, Canada, Brasile, Costa Rica, Messico e Perù. Il settore Continental Europe include le società in Germania, Italia, Polonia, Svizzera e Spagna.

Nel primo trimestre 2016, la divisione Americas & UK ha registrato ricavi per 51,18 milioni di Euro, un risultato praticamente stabile rispetto all’anno precedente (51,46 milioni). La divisione Continental Europe ha invece ottenuto una crescita nei ricavi del 24%, raggiungendo quota 46,05 milioni.

Il contributo del settore Americas & UK all’utile ante imposte è sceso da 3,24 milioni nel primo trimestre del 2015 a 1,08 milioni nei primi tre mesi 2016. Questa diminuzione, segnala GFT, deriva principalmente “dall’aumento delle assunzioni nelle business unit di Regno Unito e Stati Uniti, per progetti imminenti ma non ancora in fase di produzione”. Il settore Continental Europe ha registrato un utile ante imposte di 4,65 milioni, corrispondente a una crescita del 19% rispetto al primo trimestre 2015. L’aumento dell’allocazione dei costi del Gruppo per i settori operativi Americas & UK e Continental Europe ha avuto un impatto positivo sugli utili della categoria Altri, che sono aumentati a 1,31 milioni di Euro.

Alla fine di marzo 2016, la società conta 4.159 dipendenti a tempo pieno, dato che rappresenta una crescita del 28% anno su anno. L’incremento dell’organico deriva dall’acquisizione di Adesis – con 200 dipendenti in Spagna e 77 in Messico – così come dall’assunzione di nuove risorse, soprattutto nei centri di sviluppo in Spagna, Brasile, Polonia e Costa Rica.

“Con una crescita dei ricavi del 10 percento, il nostro anno fiscale 2016 inizia positivamente come previsto e continuiamo, inoltre, ad andare più velocemente del mercato nel suo complesso – ha affermato afferma Ulrich Dietz (nella foto), CEO di GFT –. Gli esperti Gartner del settore, prevedono che le banche aumenteranno nel 2016 la loro spesa per servizi IT del 4,8 percento. Ci aspettiamo che i budget IT per le implementazioni dei requisiti di compliance nel settore finanziario restino considerevoli con una ulteriore crescita negli investimenti per la digitalizzazione dei processi di business. In questo scenario riconfermiamo le nostre previsioni per il 2016”.

Per l’esercizio in corso, la società prevede ricavi per 410 milioni di Euro ed intende raggiungere un EBITDA di 48,5 milioni e un utile ante imposte di 35 milioni.

Intermedia Channel


GFT – Presentazione risultati primo trimestre 2016 (in inglese)

Related posts

Top