GIA UNIQA, Claudio Tomiato è il nuovo presidente

Claudio Tomiato Imc

Claudio Tomiato Imc

Si sono svolti lo scorso 16 e 17 giugno a Milano i lavori della XXIV Assemblea Generale del Gruppo Intermediari Assicurativi UNIQA. All’appuntamento, che aveva carattere elettivo, hanno presenziato oltre 110 agenti, che hanno ascoltato dalla presidente uscente Irene Capozucca (che ha deciso di non ricandidarsi, dopo aver ricoperto il ruolo dal 2012 ad oggi) il resoconto di quanto l’Associazione ha fatto dal 2014 al 2017 e per ascoltare i candidati alla presidenza – e i loro programmi – per il triennio 2017/2020.

Al termine della prima giornata assembleare, i partecipanti hanno eletto quale nuovo presidente Claudio Tomiato (nella foto). Tomiato, che ha ricevuto 98 voti, è Agente UNIQA a Piove di Sacco (PD) dal 2002 e già in passato ha più volte ricoperto altri incarichi in seno all’Associazione.

L’insediamento del neo presidente Tomiato e del nuovo Consiglio Direttivo – composto anche da Sergio Di Matteo (segretario), Irene Capozucca (vicepresidente), dai componenti di Giunta Michele Tescaro e Roberto Morbinati e dai componenti di Direttivo Rosalba Barzanò, Nicola Di Virgilio, Stefano Pandolfo e Tullio Fornase – è avvenuto nella seconda giornata di lavori, nella quale si sono registrati, tra gli altri, gli interventi del presidente del Gruppo Agenti Italiana Alfonso Coltro (gruppo agenti con cui il GIA UNIQA dovrà pianficare una naturale aggregazione, in virtù di quanto avverrà a livello di compagnia, dopo l’acquisizione del Gruppo UNIQA Italia da parte di Reale Group e il suo accorpamento programmato – entro novembre 2018 – in Italiana Assicurazioni) e della dirigenza di UNIQA, nelle persone del direttore commerciale Riccardo Raucci e dei direttore tecnico Gottfried Nagler.

Di seguito, grazie alla gentile collaborazione del GIA UNIQA, una breve intervista con il nuovo presidente Claudio Tomiato.

Presidente Tomiato, la sua nomina arriva dopo i due mandati di Irene Capozucca: che atmosfera si è respirata in assemblea?

L’Assemblea, viva e partecipata, anche attraverso un intenso dibattito e un democratico confronto, mi ha onorato della sua preferenza.

Può illustrarci la fisionomia del gruppo (numero di agenti/agenzie rappresentate e caratteristiche distintive della vostra attività di rappresentanza ad oggi)?

La nostra Associazione conta oltre 520 Agenzie rappresentate, che, essendo sia plurimandatarie che monomandatarie, hanno dimensioni assolutamente diverse fra loro. La nostra attività di rappresentanza ha sempre messo al centro dei programmi l’attenzione agli associati e alle loro quotidiane esigenze.

Un mese fa Reale Group ha finalizzato l’acquisto degli asset italiani di Uniqa: quali sono oggi le vostre priorità e gli obiettivi nel confronto con la mandante?

Le nostre priorità sono quelle di costituire in tempi rapidi un tavolo di confronto con la nuova mandante, e gli obiettivi sono quelli che gli associati GIAU ci hanno dato incarico di perseguire con la Mozione Finale della XXIV Assemblea Generale (in calce all’articolo, ndIMC), cercando di vivere quanto sta accadendo come una reale opportunità di crescita e integrazione fra le diverse realtà e da cui trarre reciproco vantaggio nel rispetto delle diverse specificità.

Quali sono le difficoltà più importanti da superare?

Attualmente, seppure guardando con serenità all’immediato futuro, non siamo in grado di conoscere cosa ci porteranno le prossime relazioni con la nuova mandante.

Che tipo di dialogo intendete costruire anche con gli altri gruppi agenti che collaborano con Reale e Italiana Assicurazioni? Obiettivi comuni? Differenze di cui tenere conto?

La presenza del presidente del Gruppo Agenti Italiana Alfonso Coltro ai lavori della nostra XXIV Assemblea Generale testimonia quanta sintonia di intenti ci sia già fra le due Associazioni e di come in futuro si cercherà un sempre maggiore e intenso rapporto di scambio e di collaborazione fra le nostre realtà, che hanno obbiettivi comuni. Gli Agenti e le loro Associazioni non dovrebbero, in generale, avere obbiettivi differenti.

Il prossimo anno entrerà in vigore la Idd: rischio o opportunità? E come si stanno preparando gli agenti alla novità?

Il cambiamento, spesso inevitabile, deve essere sempre interpretato come una opportunità; gli Agenti, come quasi sempre accade, sapranno farsi trovare preparati a tali novità.

C’è grande fibrillazione a livello di rappresentanze sindacali nazionali: a suo avviso, che ruolo è affidato, o dovrebbe essere affidato oggi, ai gruppi agenti? E quale crede possa essere la strada migliore per arrivare a un proficuo confronto fra intermediari e compagnie?

Ritengo che le peculiari differenze da sempre presenti fra le associazioni nazionali sindacali di categoria e i Gruppi Agenti, portino le reciproche realtà a potere essere di supporto le une con le altre, ma non ad essere sostitutive le une delle altre. La strada che ogni Gruppo Agenti dovrebbe perseguire nelle relazioni con la relativa Mandante è sempre quello di un confronto leale e paritetico, che tenga sempre in conto delle rispettive esigenze e che per questo porti con sé i migliori risultati da entrambi attesi.

Intermedia Channel


XXIV GIA UNIQA – Mozione finale


(nella foto qui sotto, il nuovo Consiglio Direttivo del GIA UNIQA per il triennio 2017/2020)

GIA UNIQA - Direttivo 2017-2020 Imc

Related posts

Top