Global Assicurazioni, il 2016 chiude in ulteriore crescita

Michele Rinaldi (4) Imc

Michele Rinaldi (4) Imc

Andamento positivo per raccolta premi (675 milioni di Euro) e utile netto (+9% a oltre 10 milioni) per la società del gruppo Creval

Il CdA di Global Assicurazioni, società del gruppo Creval, ha approvato nei giorni scorsi il progetto di bilancio relativo all’esercizio 2016. La società guidata dal direttore generale Michele Rinaldi (nella foto) ha chiuso l’anno con numeri positivi “nonostante la perdurante instabilità del quadro economico generale e la sensibile flessione dello sviluppo della produzione del comparto Vita”: la raccolta premi è salita dai 600 milioni del 2015 ai 675 milioni a fine 2016 (+12,5%).

Il portafoglio complessivamente gestito dalla Società al 31 dicembre 2016 è aumentato del 22%, attestandosi a 2,86 miliardi di Euro, di cui 2,64 miliardi collegati all’attività bancassicurativa sulla clientela Creval (Vita, Danni, Auto e Previdenza) e 219 milioni riferiti a clientela diretta (ovvero esterna al Gruppo Credito Valtellinese), settore in continua crescita (+37% rispetto al 2015).

La società chiude il 2016 con indicazioni positive anche dall’utile lordo (+9,4% a 14,7 milioni di Euro) e utile netto (+9,3%, oltrepassando quota 10 milioni).

“Tutto ciò è il risultato – ha spiegato Rinaldi – da un lato dell’efficienza del modello bancassicurativo di Global Assicurazioni, che consente di individuare ed intermediare prodotti per conto dei diversi e primari partner assicurativi con i quali la Società collabora, creando una sana competizione a monte e quindi ottenendo stabilmente le migliori condizioni per le reti di vendita e per la clientela, dall’altro della positiva performance commerciale della rete di vendita”.

“Le banche collocatrici, nel nostro modello bancassicurativo, oltre ad avere una completa libertà considerata la natura plurimandataria di Global Assicurazioni, non hanno assorbimenti di capitale di alcun genere (imposti da Basilea) – ha proseguito il direttore generale di Global Assicurazioni – e possono soprattutto offrire una pluralità di polizze competitive e adeguate per la clientela, così come la normativa sempre più impone”.

Intermedia Channel

Related posts

Top