GROUPAMA ASSICURAZIONI TORNA ALL’UTILE NEL 2012

Groupama - Sede Roma HiRes Imc

Raccolta premi a 1.563,5 milioni di euro. Combined ratio Danni a 90,8% e RC Auto a 87,5%. Utile a 45,6 milioni di Euro. Margine di solvibilità oltre il 140%

Ritorno all’utile nel 2012 per Groupama Assicurazioni (nella foto, la sede di Roma), divisione italiana di Groupama. L’utile netto, comunica la società,  è stato pari a 45,6 milioni di Euro, “pur in presenza di eventi straordinari che hanno impattato negativamente, in particolare la vendita di tutte le obbligazioni dello Stato greco“. Positivo anche l’andamento del margine di solvibilità, che si attesta oltre il 140% (130% nel 2011)

La raccolta premi totale è stata pari a 1.563,5 milioni. Il Ramo Danni – 1.312,6 milioni – ha registrato una lieve flessione rispetto allo scorso anno (-1,6%), mentre la redditività del ramo ha proseguito nell’andamento positivo avviato nell’ultimo triennio, con un combined ratio complessivo che si è attestato al 90,8% (87.5% nel settore RC Auto). Il Ramo Vita, calato dell’8% rispetto al 2011 e con un giro d’affari pari a 250,9 milioni di Euro, ha registrato tuttavia “un andamento migliore rispetto a quello del mercato nei primi nove mesi (-10,2%), con una crescita mirata nei settori ad alta redditività“. Groupama sottolinea a questo proposito il postivo andamento della raccolta dei prodotti di puro rischio, saliti del 55% “in totale controtendenza con il mercato che segna un calo del 51%“.

I risultati – sottlinea il comunicato societario – beneficiano del significativo contributo sia del canale agenziale, che del canale Bancassicurazione, che nel 2012 ha raggiunto una raccolta netta vita positiva, in controtendenza rispetto al mercato“.

Christophe Buso, Amministratore Delegato di Groupama Assicurazioni ha così commentato i dati societari: “Sono particolarmente soddisfatto dei risultati 2012, perché superiori alle aspettative e realizzati in presenza di eventi straordinari che ci hanno penalizzato. La macchina è pronta per affrontare il 2013 con fiducia. Ci concentreremo sul miglioramento dei servizi per i nostri clienti, puntando sull’innovazione. Proseguiremo sul lavoro di riequilibrio del nostro portafoglio Auto e Non Auto, concentrandoci sui prodotti più redditizi e infine aumenteremo l’importanza del canale Bancassicurazione sia vita che danni, continuando naturalmente a investire sulla nostra rete di Agenzie”.

Intermedia Channel

Related posts

Top