GRUPPO AGENTI AUGUSTA: ECCO COSA CHIEDE ALLA MANDANTE

Tutto ruota attorno all’integrazione della rete Augusta in Alleanza Toro.

L’integrazione della rete Augusta in Alleanza Toro è in cima ai pensieri del gruppo agenti Augusta. La rappresentanza agenziale, che si è riunita a Roma nell’ambito dell’assemblea generale elettiva, preso atto di quanto esposto «nell’intervento del presidente di Alleanza Toro, Luigi De Puppi, nella relazione  dell’amministratore delegato Alleanza Toro, Andrea Mencattini, e nei successivi interventi del condirettore generale, Luigi Rizzuti e del responsabile servizio rete Augusta, Maurizio Scaramuzzi, tra le altre cose, dell’intenzione condivisa di integrare, nella sua totalità, la rete Augusta in Alleanza Toro», hanno chiesto alla  compagnia stessa e al consiglio direttivo del gruppo agenti «la stesura di un accordo sottoscritto da entrambe le parti che confermi il progetto e le modalità espresse durante i diversi interventi». È quanto si legge nella mozione finale.

Inoltre, gli intermediari hanno chiesto al consiglio direttivo «di ottenere dalla compagnia la garanzia che durante tutto il processo di integrazione sia riconfermato in efficienza il programma informatico in uso alle agenzie (BeneWeb); di iniziare, preso atto della volontà della compagnia, l’integrazione attraverso la migrazione dei rami elementari e vita, ed accettate le modalità operative prospettate, che la migrazione dell’intero portafoglio auto della totalità della rete Augusta avvenga in un unico passaggio; di ottenere un supporto economico per la rete agenziale alla luce della documentata perdita di portafoglio (sia in termini  di numeri di contratti che di premi) dovuta alla politica dei prezzi adottata dalla mandante, attraverso tutte le vie possibili replicando, quale prima azione concreta, il piano di incentivazione straordinaria già erogato nel 2011; di vigilare e monitorare sul territorio gli effetti della tariffa Rc auto, quando unificata con quella di AlleanzaToro, e, nelle more dell’unificazione tariffaria, di garantire il mantenimento  dell’attuale livello di  scontistica e flessibilità a salvaguardia del portafoglio in essere».

Redazione – Intermedia Channel

Authors

Related posts

Top