Gruppo Agenti Zurich (GAZ): Il Fondo Pensione Agenti ha bisogno di una soluzione credibile e sostenibile

Mentre è in corso a Milano l’incontro tra ANIA, rappresentanze degli agenti professionisti (SNA, UNAPASS e ANAPA) e cda del Fondo Pensione Agenti sulla situazione del Fondo e sulle misure da attuare per il suo riequilibrio finanziario, si riscontrano ulteriori prese di posizione al riguardo da parte dei gruppi agenti.

Il Comitato direttivo del Gruppo Agenti Zurich (GAZ) ha inviato nella giornata di ieri una lettera ai presidenti delle associazioni di categoria degli agenti (Claudio Demozzi – SNA, Vincenzo Cirasola – ANAPA, Massimo Congiu – UNAPASS) e per conoscenza al presidente ANIA Aldo Minucci e agli organi direttivi del FPA (il presidente Francesco Pavanello, il vicepresidente Roberto Manzato e il consiglio di amministrazione) illustrando le proprie preoccupazioni sulla situazione del Fondo.

GAZ - Gruppo Agenti ZurichNella lettera, il Consiglio Direttivo del GAZ – a seguito delle risposte fornite dal cda FPA alle 11 domande di ANAPA – esprime l’auspicio “a che sia trovata una soluzione credibile e sistenibile atta a sanare la situazione di difficoltà, nel rispetto dei diritti e delle legittime attese dei Colleghi aderenti al Fondo“.

Il direttivo del gruppo agenti guidato da Enrico Ulivieri non esclude che si renda inoltre necessario “un approfondimento su eventuali responsabilità in capo ai soggetti deputati alla gestione e controllo del FPA” e “condivide la necessità di rinnovare l’attuale governance del Fondo con l’inserimento di tecnici competenti che sappiano individuare le soluzioni più appropriate alla tutela degli interessi degli aderenti, nel rispetto della dignità della categoria“, al fine di tutelare la situazione previdenziale degli agenti aderenti al Fondo.

Intermedia Channel

Related posts

Top