GRUPPO HELVETIA: NEL 2013 AUMENTANO PREMI E UTILE

Nel corso dell’esercizio 2013 il Gruppo Helvetia ha incrementato l’utile del 9,2% portandolo a 363,8 milioni di franchi svizzeri (298,5 milioni di Euro). Il volume d’affari è cresciuto del 6,3% a poco meno di 7,5 miliardi di franchi (6,14 miliardi di Euro). L’indice Solvency I rimane su livelli elevati (218%) e risulta praticamente stabile il combined ratio (dal 93,7% del 2012 al 93,6% del 2016). L’assemblea generale proporrà un incremento del dividendo del 2.9%, da 17 a 17,5 franchi svizzeri per azione (14,4 Euro)

Nel corso dell’esercizio 2013 il Gruppo Helvetia (nella foto, un dettaglio della sede di San Gallo) è riuscito nuovamente ad incrementare il proprio volume d’affari: il dato consuntivo di 7,477 miliardi di franchi svizzeri (6,14 miliardi di Euro) rappresenta infatti una crescita del 6,3% rispetto ai risultati dell’esercizio 2012. Il fattore trainante, segnala il Gruppo, è stato rappresentato dal mercato interno svizzero, che rispetto all’anno precedente ha mostrato un incremento del 9,9%. Anche Germania, Austria e Francia hanno fatto registrare tassi di crescita positivi, laddove in Francia la crescita è stata sospinta dalle acquisizioni. Il risultato annuale di 363,8 milioni di franchi (298,5 milioni di Euro), risulta quindi decisamente superiore a quello del 2012, quando si era attestato a 333,1 milioni di franchi (+9,2%).

Helvetia - Sede (2) ImcRedditività ben diversificata

Entrambi i segmenti – Vita e Danni – hanno mostrato un forte aumento, contribuendo al risultato ottenuto rispettivamente per 152,9 milioni di franchi e 191,7 milioni (125,5 e 157,4 milioni di Euro). La redditività è risultata ben diversificata geograficamente: accanto alla solidità del mercato interno svizzero, hanno convinto anche i mercati esteri con i loro aumenti dell’utile. Il contributo al risultato proveniente dall’estero è complessivamente cresciuto, nonostante il contesto sui mercati dell’Europa meridionale (Italia e Spagna) continui ad essere difficile. Nei Rami Danni, il tasso combinato costi/sinistri è sceso al 93,6%, soprattutto grazie ai minori tassi di sinistri. Tutti i mercati nazionali hanno raggiunto un combined ratio inferiore al 100%, sebbene Helvetia abbia in parte dovuto rispondere di grandi danni dovuti al maltempo. Questo risultato, sottolinea il Gruppo, si deve ad una solida qualità del portafoglio, ad una forte concentrazione su una politica di sottoscrizione sana sotto il profilo attuariale e ad un dispositivo di riassicurazione concepito su misura.

Nei Rami Vita, il margine di nuovi affari è stato superiore all’anno precedente (0,9%) con un positivo 1,6%. Per il Gruppo, l’incremento si può imputare principalmente all’aumento dei tassi di interesse per i nuovi investimenti. Tuttavia, il perdurare di un contesto di interessi bassi continua a rappresentare una sfida per il Gruppo elvetico.

Andamento positivo dei proventi dei premi

Il Gruppo Helvetia complessivamente registra un andamento positivo dei suoi settori operativi. Nel settore Vita il volume d’affari è aumentato dell’8.2%, portandosi a  4,731 miliardi di franchi svizzeri (3,88 miliardi di Euro). Quasi tutti i mercati nazionali hanno evidenziato un netto incremento. L’aumento del volume è stato trainato dal mercato interno svizzero, che ha consolidato la sua forte posizione di mercato con una crescita del 12,3%. Hanno registrato una certa dinamicità anche i mercati di Germania e Austria, dove gli incrementi sono stati altrettanto soddisfacenti (rispettivamente, +16,3% e +11,9%). Nonostante la perdurante difficoltà della situazione economica, anche la Spagna ha fatto registrare una crescita dell’1.6%. Solo l’Italia non ha raggiunto il volume dell’anno precedente, anche per la situazione riconducibile alla modifica dell’accordo di distribuzione con il Banco di Desio. I principali fattori trainanti per quanto riguarda i prodotti sono stati il settore Vita collettiva e le assicurazioni sulla vita vincolate a partecipazioni e fondi in Vita individuale. Fedele alla propria strategia, Helvetia punta ad una crescita per questi prodotti moderni ed efficienti sotto il profilo del capitale. La loro quota rispetto al volume dei premi complessivo in Vita individuale è aumentata al 28%.

Nei Rami Danni il Gruppo ha visto aumentare del 4,3% il volume dei premi, attestatosi a 2,551 miliardi di Euro (2,09 miliardi di Euro). Un forte impulso alla crescita è provenuto dal portafoglio trasporti di Gan Eurocourtage, che l’Helvetia ha acquisito in Francia nel 2012. I mercati nazionali di Svizzera e Austria hanno subito anch’essi un incremento nel confronto con l’anno precedente. I volumi in Italia e in Spagna hanno avuto un andamento recessivo a causa della situazione economica ancora difficile, sebbene la flessione sia risultata più moderata rispetto al riscontro 2011-2012 (rispettivamente da -4,1% a -2,4% e da -4,8% a -2,4%). Inoltre, in Germania e in Italia le ottimizzazioni del portafoglio hanno avuto l’effetto auspicato sull’andamento dei premi.

Grazie al convincente andamento, Helvetia è riuscita a consolidare la già robusta posizione di capitale. Ciò si riflette nella solidità dell’indice Solvency I al 218% e in una quota dello Swiss Solvency Test che oscilla tra 150 e 200% alla metà del 2013. Grazie alla maggiore forza degli utili la redditività del capitale proprio è aumentata dal 9,1 al 9,3% L’eccellente capitalizzazione e la buona situazione dei ricavi, hanno inoltre spinto Standard & Poor’s nel maggio 2013 ad aumentare il rating di Gruppo da «A-» a «A». La politica societaria dei dividendi proseguirà ancora e l’assemblea generale proporrà un incremento del dividendo del 2,9%, da 17 a 17,5 franchi svizzeri per azione (14,4 Euro).

Soddisfazione per l’andamento dell’esercizio 2013 è giunta infine anche dalle parole dell’amministratore delegato Stefan Loacker: «Il convincente risultato annuale sottolinea l’evoluzione positiva del Gruppo Helvetia. La crescita ben consolidata e l’aumento dell’utile dimostrano che la nostra strategia Helvetia 2015+ va nella giusta direzione».

Gruppo Helvetia –  Principali risultati esercizio 2013

Intermedia Channel

 

Related posts

Top