Gruppo Sara Assicurazioni, raccolta premi e utile in aumento dopo i primi nove mesi del 2018

Alberto Tosti (2) Imc

Alberto Tosti (2) Imc

L’andamento della gestione a fine settembre mostra un alto livello di solvibilità nonostante il contesto di turbolenza finanziaria. La raccolta premi di Gruppo sale del 6,5% e l’utile netto passa da 32,3 a 50,9 milioni; i risultati della capogruppo Sara Assicurazioni, in particolare, sono superiori alle previsioni societarie

Il CdA di Sara Assicurazioni ha esaminato lo scorso 20 novembre le situazioni economiche pro forma al 30 settembre 2018 delle società del Gruppo Sara Assicurazioni.

La situazione consolidata del Gruppo evidenzia un aumento del 6,5% della raccolta premi lorda e rileva un utile netto di 50,9 milioni di Euro, in aumento rispetto ai 32,3 milioni registrati a fine settembre 2017. Il ratio di solvibilità Solvency II è pari al 256%.

La situazione della capogruppo Sara Assicurazioni evidenzia premi lordi contabilizzati di 426,2 milioni di Euro, in aumento del 4,4% rispetto al dato al 30 settembre 2017 e dell’1,5% rispetto alle previsioni. Anche l’utile netto, pari a 35,7 milioni, risulta superiore sia rispetto al dato del terzo trimestre 2017 sia rispetto alle attese societarie. L’indicatore di solvibilità della compagnia, secondo i criteri Solvency II, risulta pari al 276%.

Premi in aumento anche per la controllata Sara Vita (da 55,1 a 67,3 milioni di Euro), che segna tuttavia un risultato netto negativo pari a 1,6 milioni di Euro, a causa dell’andamento dello spread BTp / Bund. Il ratio di solvibilità Solvency II è pari al 175%.

“Abbiamo intrapreso con decisione la strada della digital trasformation, cogliendo le opportunità dell’innovazione tecnologica, e i risultati premiano questa strategia – ha dichiarato il direttore generale Alberto Tosti (nella foto). In poco più di un anno abbiamo ridisegnato i nostri sistemi e rivisto radicalmente l’assetto infrastrutturale, optando per una architettura multicloud. Questa agilità ci permette di continuare a perfezionare il nostro modello operativo avendo a disposizione un vero e proprio tappeto volante grazie al quale riusciremo ad affrontare senza indugio l’evoluzione dell’industria assicurativa che, come noto, si preannuncia sfidante”.

Intermedia Channel

Related posts

Top