GRUPPO UNIPOL, APPROVATO IL BILANCIO 2012: UTILE NUOVO GRUPPO A 441 MILIONI DI EURO

La sede di Unipol Assicurazioni Imc

Proposto un dividendo di 0,15 euro per ogni azione ordinaria e 0,17 euro per ogni azione privilegiata

Il Consiglio di Amministrazione di Unipol Gruppo Finanziario, riunitosi in data odierna sotto la Presidenza di Pierluigi Stefanini, ha approvato il bilancio consolidato e il progetto di bilancio dell’esercizio 2012 che, a seguito dell’acquisizione effettuata nello scorso luglio, include i risultati consolidati relativi al secondo semestre 2012 del Gruppo Premafin/Fondiaria-SAI.

Il risultato consolidato del Gruppo Unipol al 31 dicembre 2012 a nuovo perimetro, comprensivo quindi del Gruppo Premafin/Fondiaria-SAI, è pari a 441 milioni di euro, di cui 241 milioni di euro relativi al Gruppo Unipol e 200 milioni di euro relativi all’apporto del Gruppo Premafin/Fondiaria-SAI relativo al periodo 1/7-31/12/2012. Tale apporto positivo, di natura prettamente contabile, “è diretta conseguenza delle valutazioni delle attività e delle passività acquisite, rilevato alla data di acquisizione, nonché dall’allineamento ai principi contabili applicati dal Gruppo Unipol“.

In particolare, gli scostamenti tra il risultato economico consolidato del Gruppo Premafin relativo al secondo semestre 2012 (negativo per 889 milioni di euro) e il risultato economico del medesimo periodo (positivo per 200 milioni di euro) che il Gruppo Premafin ha apportato al bilancio consolidato 2012 del Gruppo Unipol, sono dovuti a: integrazioni riserve sinistri R.C. Auto e R.C.G. (710 milioni), svalutazioni immobili e differenze ammortamenti (265 milioni), effetti su attività e passività finanziarie derivanti da valori di carico diversi (298 milioni), shadow accounting (-236 milioni), storno degli impairment avviamenti (247 milioni), accantonamenti per rischi e passività potenziali (87 milioni), altre partite (17 milioni) ed effetti fiscali (-299 milioni) per complessivi 1.089 milioni di euro.

Il Gruppo Unipol a nuovo perimetro ha registrato una raccolta assicurativa consolidata diretta di 16,8 miliardi di euro (-4,8% rispetto al 2011), di cui 10,6 nei Rami Danni (-6,6% rispetto al 2011) e 6,2 miliardi nei Rami Vita (-1,7% rispetto al 2011).

Grazie al positivo andamento delle società controllate relativo al perimetro originario, Unipol Gruppo Finanziario ha chiuso il 2012 con un utile di 195 milioni di euro, sulla base del quale il consiglio di amministrazione ha deliberato di proporre all’assemblea degli azionisti la distribuzione di dividendi per l’esercizio trascorso per una somma complessiva di 113 milioni di euro, corrispondenti a dividendi pari a 0,15 euro per ogni azione ordinaria e 0,17 per ogni azione privilegiata.

I positivi risultati conseguiti nel 2012 – ha dichiarato l’Amministratore Delegato Carlo Cimbrichiudono per il Gruppo Unipol un triennio importante che, grazie all’impegno e alla professionalità di colleghi e agenti e alle politiche di gestione industriale adottate, ha visto raggiungere – e in alcuni casi superare – gli obiettivi che ci eravamo prefissi con il Piano Industriale 2010-2012, nonostante l’alternarsi di scenari particolarmente turbolenti e incerti, sia sui mercati finanziari che per quanto riguarda il contesto economico italiano. I positivi risultati conseguiti e la consistente solidità patrimoniale hanno creato le condizioni per procedere alla remunerazione del capitale”.

“Si chiude un ciclo per il Gruppo Unipol – ha proseguito Cimbri – e, con il bilancio 2012, si chiude un ciclo anche per il Gruppo Fondiaria-SAI. Il nostro obiettivo, riportando la normalità nella gestione del Gruppo Fondiaria-SAI, è quello di consentire alle professionalità che vi operano di potersi concentrare sul core business, contribuendo assieme ai colleghi di Unipol al perseguimento degli obiettivi del nuovo Piano Industriale e alla creazione di valore per i nostri stakeholders”.

I positivi risultati della gestione corrente di Fondiaria-SAI, unitamente ai risultati del Gruppo Unipol, sono il miglior presupposto per guardare con fiducia al futuro, nonostante il perdurare di un quadro macroeconomico complesso e di difficile interpretazione”, ha concluso Cimbri.

Gruppo Unipol – Risultati Bilancio 2012

Intermedia Channel

Related posts

Top